Seguici su

Risultati NBA

Risultati NBA, un D’Angelo Russell stellare stende i Kings, Lakers ko a Milwaukee, bene Houston, Philly, Golden State e Clippers

Charlotte si allontana dai playoff, Indiana perde ancora

(46-25) Philadelphia 76ers 118 – 114 Charlotte Hornets (31-39)

Quinta vittoria consecutiva per i Philadelphia 76ers, che – pur privi di Joel Embiid – grazie a una prestazione spettacolare di JJ Redick battono i Charlotte Hornets. Una sconfitta che fa male alla squadra di Michael Jordan, che vede allontanarsi l’ottava posizione nella Eastern Conference, e con essa la possibilità di partecipare ai playoff. Ma la vittoria è stata tutt’altro che semplice per Philly.

La partita è, fin dall’inizio, molto equilibrata, e per tutto il primo quarto nessuna delle due squadre riesce a prendere più di due possessi di vantaggio. All’inizio della seconda frazione Philadelphia riesce ad accumulare un +9 (50-41), ma Charlotte si rifà subito sotto, e arriva all’intervallo lungo con solo tre punti di scarto (62-59). Nel terzo periodo l’equilibrio non sembra mutare, le due squadre si rispondono colpo su colpo, anche se Philadelphia riesce faticosamente a portarsi sul +6 grazie a un canestro di Jimmy Butler (82-76). Charlotte risponde però con un parziale di 11-0, e passa a condurre all’alba dell’ultimo quarto. I Sixers tornano subito in pareggio e la partita prosegue sui binari dell’equilibrio fino a 33 secondi dalla fine, quando Tobias Harris conquista il rimbalzo offensivo dopo un tiro sbagliato di Butler e lo trasforma in un assist per una tripla aperta di James Ennis che vale il +4. Ma Jeremy Lamb si guadagna tre tiri liberi, realizzandoli tutti, e riportando Charlotte a -1 con 12 secondi sul cronometro. Charlotte manda in lunetta Harris, che fa 1/2. Con 8.2 secondi, Charlotte si affida al tiro di Lamb, che si infrange però sul ferro. Sul cronometro ci sono ancora 2 secondi, quelli che bastano ad Harris per guadagnarsi gli ultimi due liberi che arrotondano il risultato.

Philadelphia si coccola la tripla doppia sfiorata da JJ Redick (sarebbe stata la prima nella sua carriera NBA) con 27 punti, 10 rimbalzi e 8 assist, a cui vanno aggiunti i 28 con 8 rimbalzi e 5 assist di Ben Simmons, i 23 con 9 assist di Jimmy Butler e i 22 con 11 rimbalzi di Tobias Harris. Per Charlotte Jeremy Lamb esce dalla panchina con 26 punti e 11 rimbalzi, mentre Kemba Walker si ferma a 21 punti, 4 rimbalzi e 4 assist.

(45-26) Houston Rockets 121 – 105 Atlanta Hawks (24-48)

Gli Houston Rockets hanno ripreso la loro marcia, e ha archiviato anche la pratica Atlanta Hawks, nonostante le difficoltà al tiro, soprattutto dalla lunga distanza, avute nel primo tempo. I Rockets rimangono sempre più saldamente terzi nella Western Conference, mentre Atlanta rimane nella bassa classifica della costa opposta, seppur con rosee e giustificate speranze per il futuro.

Il primo tempo della partita è equilibrato e combattuto. I tiri pesanti di Houston non vogliono saperne di entrare, con gli uomini di coach Mike D’Antoni che sbagliano 13 dei primi 15 tentativi, e Atlanta rimane attaccata, chiudendo all’intervallo lungo a -6. All’inizio del terzo quarto gli Hawks riescono anche a portarsi sul +2 grazie alla tripla di Dewayne Dedmon, ma i Rockets finalmente cominciano a dare risposte e tre triple consecutive di PJ Tucker, Chris PaulJames Harden, riportano subito avanti i texani (68-61). Atlanta chiama timeout, ma questo non serve ad evitare che Harden e Tucker aumentino il disavanzo con altri due canestri da tre. Coach Lloyd Pierce prova a chiamare un nuovo timeout subito dopo la schiacciata di Clint Capela che vale il 78-67, ma Houston ha ormai preso il controllo della gara. All’inizio del quarto quarto, dopo il layup di Kenneth Faried, sono a +15 (93-78). Dopo una tripla di Chris Paul, addirittura a +20 (104-84). La partita è già chiusa, e il risultato va solo arrotondato.

Oltre al solito James Harden, a un soffio dalla tripla doppia con 31 punti, 10 assist e 8 rimbalzi, Houston gode anche dei 26 punti e 11 rimbalzi di Clint Capela e dei 13 punti, 11 assist e 3 palle recuperate di Chris Paul. Buono inoltre l’impatto di Danuel House jr dalla panchina, con i suoi 19 punti e il +20 di plus/minus. Gli Hawks trovano i 21 punti e 12 assist di Trae Young e i 20 con 10 rimbalzi di John Collins, mentre Taurean Prince ne segna 16, un inossidabile Vince Carter 15 e DeAndre Bembry 14 con 9 rimbalzi.

Precedente1 di 3
Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Risultati NBA