Seguici su

News NBA

McCutchen, responsabile arbitri: “Confronto costruttivo con i giocatori”

Dopo 25 anni e più di 1400 partite arbitrate, Monty McCutchen ha abbracciato il nuovo ruolo di supervisore offertogli dalla NBA. A distanza di qualche mese, arrivano i primi frutti di quanto seminato

Monty McCutchen /Credits to Tony Gutierrez-AP via The New York Times

Monty McCutchen ha arbitrato l’ultima partita ufficiale da capo-terna il 14 dicembre scorso (Minnesota @ Sacramento n.da.). Da poco più di tre mesi a questa parte, l’ex fischietto ricopre l’incarico di supervisore arbitri a più livelli, dalla NBA alla WNBA, passando per la G League.

Il nativo di San Angelo, Texas, è stato ritenuto punto di riferimento ideale per rispondere alle tensioni latenti tra arbitri e giocatori che hanno scaldato oltremisura gli animi per gran parte della stagione. Il piano di risoluzione presentato a fine gennaio sembra aver dato riscontri positivi. Riportiamo quanto dichiarato ad Associated Press:

“Nessuno sta chiedendo di essere tutti d’accordo e nessuno sta evitando critiche costruttive. Cerchiamo di arrivare a un punto comune sul senso di un disaccordo espresso in forma rispettosa […] con empatia e comprensione. […] Tutti siamo disposti a fare la nostra parte. C’è la volontà di migliorare il gioco che serviamo, e in questo senso i punto dei vista dei giocatori è stato ragionevolmente tenuto in considerazione. Vi sentiamo e ci lavoreremo su.”

I Dallas Mavericks di coach Rick Carlisle hanno incontrato l’ex arbitro la scorsa settimana, prima della sfida contro i New York Knicks, e l’allenatore è rimasto piacevolmente sorpreso:

Si può discutere sul fatto che sia stato il miglior fischietto del gioco, ma il percorso di lavoro che ha intrapreso è davvero importante e può avere impatto su molti altri arbitri. […] È la persona giusta per questo ruolo, un grande comunicatore, lo è sempre stato. Può trasmettere il messaggio ad altri ufficiali di gara e a giocatori e allenatori.”

Leggi anche:

NBA Confidential: Paola Ellisse

Alessandro Lever, la mia March Madness

LeBron leader: “Non c’è bisogno di dimostrare il potenziale della mia squadra”

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.