Seguici su

Chicago Bulls

Phil Jackson: “MJ o Kobe? Jordan allenabile”

MJ-Kobe, il dualismo che ha segnato la storia recente della NBA, visto da Phil Jackson

Il 14 dicembre 2014, con un tiro libero realizzato nel corso del 2°quarto della sfida contro i Minnesota T’Wolves,  Kobe Bryant superò Michael Jordan e salì sul podio ogni epoca per punti segnati. Un traguardo prestigioso che non fece altro che alimentare discussioni e confronti più o meno disparati tra le due epoche.

A quasi due anni dal commovente addio alla pallacanestro del #24 Lakers, valsogli un Oscar, il dibattito “meglio x o y?” torna ad animarsi. Phil Jackson, minimo comune denominatore nelle carriere vincenti e leggendarie di Jordan prima e Kobe poi (due Three-peat con i Bulls e uno con i Lakers per il ‘Maestro Zen’ n.d.r.), ha detto la sua. Di seguito quanto dichiarato da Jackson alla conferenza annuale della Domo, compagnia di riferimento in ambito tecnologico, con base nello Utah.

“Michael [Jordan] aveva qualcosa di allenabile che a Kobe [Bryant] mancava. Kobe, tuttavia, aveva un fuoco vivo dentro, un fuoco che non si poteva reprimere.”

Un commento anche sulle tensioni tra Shaquille O’Neal e lo stesso Kobe durante i suoi anni ai Lakers:

“[…] Kobe pensava che Shaq non nutrisse abbastanza interesse nei confronti del gioco.”

Jackson, che vanta ben 11 anelli di Campione NBA da allenatore, ha svelato la ricetta del suo successo in panchina in poche, semplici parole:

“Ho portato le persone a fare cose fuori dall’ordinario.”

 

Leggi anche:

Knicks, Kanter frustrato:”La squadra è in modalità tanking. Io voglio vincere”

Lakers, Thomas: “Non mi sento sesto uomo”

La caduta dei Memphis Grizzlies

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Chicago Bulls