Seguici su

Miami Heat

Bosh punta a tornare: “Nel profondo sono ancora un atleta”

Chris Bosh è intervenuto nel corso della trasmissione “Larry King Now”

Chris Bosh scalpita e, dopo più di un anno di assenza, punta a tornare quanto prima a calcare i parquet NBA.

Come riportato da Ira Winderman di The Sun Sentinel,  il due volte campione NBA con la maglia dei Miami Heat è intervenuto nel corso della trasmissione televisiva “Larry King Now” sul network digitale Ora.tv e ha fatto il punto sulla propria situazione. Riportiamo di seguito  i passaggi più significativi:

Penso che tornerò. Nel mio cuore sono ancora un atleta. Non voglio che [la mia carriera] si chiuda così. […] È complicato, è molto molto complicato, ed è per questo che non sono stato in grado di giocare quest’anno.

La lontananza dai campi suscita in Bosh emozioni contrastanti:

Una parte di me ha nostalgia del gioco, l’altra no. Ho imparato ad apprezzare aspetti diversi della vita. C’è molta vita al di fuori della pallacanestro. […] Ho passato del tempo con i miei figli, mia moglie, rilassandomi e lavorando sulla mia mente e la mia anima. […] È stato un periodo interessante, solo perché sono abituato a giocare a pallacanestro. Sono abituato ad allenarmi. Sono abituato alla routine. Ero nato per fare questo. È ciò che ho fatto per tutta la mia vita. Nell’ultimo anno non ho potuto contare su questo. Ciò mi ha obbligato a cambiare sotto molti aspetti.

CAPITOLO MIAMI Il rapporto con i Miami Heat si è interrotto nel peggiore dei modi  [il suo contratto da $52 milioni di dollari pesa ancora sul monte salari di Miami], ma Bosh non serba alcun rancore nei confronti della dirigenza:

Capisco ciò che devono fare come squadra. È un business, so che noi – atleti, dirigenti,  o chiunque lavori nell’ NBA-non vogliamo mai dire che è un business o cose di questo genere. È un business. […] In qualità di presidente dei Miami Heat, capisco ciò che [Pat Riley] deve fare. 

FUTURO A domanda precisa sul futuro, Bosh ha tergiversato:

Non lo so. Questo mi eccita. […]  Ho molte cose in mente

La possibilità di allenare non viene nemmeno presa in considerazione:

No, non voglio allenare. Sarò sempre nell’ambiente. Penso che se dovessi farlo sarebbe con le giovani menti. 

Leggi anche- Chris Bosh rilancia: sono in salute. Mi sento bene”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Miami Heat

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.