Seguici su

News NBA

Marjanovic, ai Pistons grazie alle parole di Pop: “21 milioni non puoi rifiutarli!”

L’allenatore neroargento svela alcuni retroscena sulla Free Agency, concentrandosi sul trasferimento del serbo a Detroit

marjanovic

È un giocatore di basket. Non è niente di strano

Così Popovich tentava di smorzare la vera e propria “Boban Mania” esplosa nell’Alamo dall’arrivo del serbo. Le eccezionali dimensioni fisiche (è il 13º giocatore più alto ad aver calcato un parquet NBA) l’avevano reso una vera e propria attrazione negli ultimi mesi, diventando l’idolo dei tifosi, che accorrevano in massa al palazzo durante il riscaldamento prepartita nella speranza di strappare un autografo o scattare una foto con il gigante serbo.

Così Popovich tentava di smorzare la vera e propria “Boban Mania” esplosa nell’Alamo dall’arrivo del serbo. Le eccezionali dimensioni fisiche (è il 13º giocatore più alto ad aver calcato un parquet NBA) l’avevano reso una vera e propria attrazione negli ultimi mesi, diventando l’idolo dei tifosi, che accorrevano in massa al palazzo durante il riscaldamento prepartita nella speranza di strappare un autografo o scattare una foto con il gigante serbo.

In estate  l’intervento di Popovich è stato decisivo nel determinare l’addio del serbo (difficile aspettarsi qualcosa di diverso riguardo tutto ciò che avviene all’ombra dell’Alamo). A rivelare il retroscena è lo stesso allenatore neroargento in un’intervista con Jeff McDonald per San Antonio Express News:

È un bravissimo ragazzo, in un momento ho dovuto impegnarmi per fargli capire che $21 milioni [ triennale offerto dai Pistons] sono diversi da $3 milioni.

Pop aggiunge di aver usato toni coloriti per convincere Marjanovic:

Gli ho detto: – Muovi il tuo c**o lontano da qui. Vai. Devi farlo – ma ci è rimasto male. […] Sapevamo che era andato. Succede ad ogni squadra. Si perde un giocatore perché bisogna pagare le persone e non si può pagarle tutte.

Marjanovic dal canto suo sembra essere convinto della destinazione Detroit, nonostante i tentennamenti iniziali:

Il mio primo desiderio era quello di restare. Ma ora mi trovo bene. Penso di aver fatto una buona scelta.

LEGGI ANCHE –  Gli Spurs non pareggeranno l’offerta di Detroit per Marjanovic

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.