Seguici su

L.A. Clippers

Clippers, anche Austin Rivers ai box per una mano rotta

Tegola in casa Clippers: dopo Blake Griffin, anche il figlio di coach Doc Rivers dovrà stare a lungo ai box per un problema alla mano

Austin Rivers

Si può ormai parlare di “maledizione della frattura alla mano” in casa Clippers: dopo l’episodio occorso a Blake Griffin a seguito di una rissa con un membro dello staff della franchigia, è ora Austin Rivers a doversi fermare per lo stesso problema.

Il figlio di coach Doc infatti ha dovuto lasciare la contesa nel corso della gara persa dai Clips in settimana con Minnesota, e non è sceso in campo nemmeno venerdì con Orlando. Ed è notizia di queste ore il responso ufficiale della franchigia: frattura alla mano sinistra, e tempi di recupero stimati eguali a quelli indicati per Griffin, cioè dalle 4 alle 6 settimane. Un vero peccato per il giovane Rivers, che partendo dalla panchina stava disputando una buonissima stagione, mettendo a referto al momento il proprio personale career high per punti di media a quota 8.1.

Altra brutta tegola quindi per la squadra losangelina, che perde per un periodo piuttosto lungo uno dei migliori giocatori in squadra nel trattamento del pallone dopo Chris Paul e Jamal Crawford: probabile dunque che aumentino i minuti nelle rotazioni del backcourt per il sempreverde Pablo Prigioni, e forse anche per Lance Stephenson, a cui l’infortunio di Rivers potrebbe regalare una ghiotta occasione per trovare maggiore spazio nel roster del padre di Austin.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in L.A. Clippers

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.