Seguici su

L.A. Lakers

Scott cambia idea: giovani in campo nei momenti caldi

Coach Byron Scott ha deciso che farà giocare i giovani Lakers (Randle, Clarkson, Russell) anche nei momenti caldi delle partite. Importante però imparare dai veterani: lunghe sessioni video all’orizzonte.

scott

Fino a ora, la filosofia di Coach Byron Scott era stata quella di tenere fuori i giovani talenti dai momenti caldi delle partite. Come dichiarato e dimostrato, Julius Randle, ma soprattutto Jordan Clarkson e D’Angelo Russell non avevano il posto assicurato in campo al termine del 4° quarto.

Le ultime dichiarazioni dell’allenatore dei Los Angeles Lakers segnalano un cambio di tendenza. D’ora in avanti, i tre giovani dovrebbero avere più minuti a disposizione al termine delle partite, dopo essere stati panchinati sul finire della partita (persa) di venerdì contro i Phoenix Suns. Li farà giocare «in ogni caso».

Dopo averli più volte criticati nel corso della stagione, Scott sembra più disponibile a gettarli nella mischia per metterli alla prova. Questa la sua dichiarazione di domenica:

«Il mio obiettivo è di mandarli in campo e farli giocare anche quando sbagliano e quando stanno giocando male. Devono riuscire a cavarsela come gruppo.»

Mentre per Russell si è già notata un’inversione di tendenza rispetto ai primi mesi della stagione, Randle e Clarkson sono stati utilizzati molto poco negli ultimi minuti di gioco.

Non è chiaro se l’inversione di tendenza sia stata forzata dalla dirigenza o semplicemente derivi da un cambio di opinione. In ogni caso, i giovani dovranno passare del tempo a guardare i video del secondo quintetto (quello dei veterani). Scott ha spiegato la cruciale differenza fra primo e secondo quintetto.

«Se siamo sotto di 6, 8 punti, ognuno cerca di farcela con le proprie forze, invece di provare insieme, come invece fa il secondo quintetto.»

TUTTE LE NEWS NBA

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in L.A. Lakers