Seguici su

News NBA

NBA, John Wall punta alle Olimpiadi di Tokyo 2021: “Voglio essere in Team USA”

Il play di Washington non vede l’ora di poter rientrare dal suo infortunio per riconquistare anche Team USA

john wall

John Wall è tornato a parlare ai microfoni di Marc J. Spears durante una sessione Live su Instagram nella giornata di mercoledì. La stella dei Washington Wizards, ancora alle prese con i diversi infortuni che l’hanno tenuto ai box per diverso tempo, ma sembra aver chiaro nella sua testa quali sono i suoi prossimi passi: prima il rientro in NBA, poi la speranza di poter presenziare alle Olimpiadi di Tokyo 2021 con la maglia di Team USA:

“Quando indossi quel rosso, bianco e blu, rappresenti il ​​tuo paese. Non importa in che maniera, voglio rappresentare il mio paese. So quanto questo paese significhi per me e mi piacerebbe sicuramente avere l’opportunità di giocare per questo.”

Wall ha inoltre dichiarato di aver espresso il suo interesse a Jerry Colangelo, direttore esecutivo di Team USA, proprio in vista del prossimo anno. In un paio di occasioni il play della compagine capitolina è stato vicino ad indossare la canotta della Nazionale. Nel 2014, prima dell’inizio del campionato mondiale FIBA, è stato tagliato a ridosso della competizione. Nel 2016, invece, ha dovuto rinunciare alle Olimpiadi in Brasile dopo aver subito un intervento chirurgico al ginocchio. Ora Wall ci vuole riprovare.

Il giocatore tenterà quindi di assicurarsi un posto nella squadra di Tokyo che potrà contare, al massimo, di 12 atleti. La concorrenza è davvero mostruosa nel ruolo di point guard: i nomi a disposizione per lo staff di Team USA sono quelli di Stephen Curry, Kyrie Irving, Chris Paul e Damian Lillard. Servirà davvero il miglior Wall per convincere coach Pop a scegliere lui rispetto ad altri.

Ma l’ex scelta numero 1 è sicuro di potersi giocare le sue carte:

“Mi sento come se fossi il giocatore perfetto, la point guard perfetta per la tipologia di squadra che vorrebbero creare. Sono uno che difende duro e gestisce la squadra. Non penso solo a segnare o tirare continuamente. Cerco sempre di coinvolgere i miei compagni. E non ci sarebbe niente di meglio che essere in grado di tornare con una medaglia d’oro. È qualcosa che mi piacerebbe avere sul mio curriculum.”

 

Leggi Anche

Le 10 migliori seconde scelte al Draft NBA secondo The Athletic

Celtics: Tatum ci sarà alla ripresa della NBA

NBA, il sindacato allenatori non convinto dal piano di ripresa

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA