Seguici su

Golden State Warriors

NBA, Steve Kerr: “Curry, Klay e Green ci saranno ai minicamp”

Mentre sui giovani presenti a roster: “Mi aspetto che facciano grandi progressi”

Kerr

Non è stata un’annata semplice per coach Kerr e i Golden State Warriors. I dominatori assoluti delle ultime cinque stagioni, con altrettante presenze consecutive alle Finals e tre titoli vinti, hanno vissuto un’ultima stagione incompleta ma comunque drammatica.

L’addio di Durant, l’assenza del lungodegente Klay Thompson e il precoce quanto grave infortunio di Curry alla mano hanno minato pesantemente gli obiettivi e le aspettative per il 2020. Rimasto con i soli Green, D’Angelo Russell, poi spedito a Minnesota, e qualche giovane prospetto interessante, coach Kerr non ha potuto fare altro che barcamenarsi tra le tante L in giro per la lega.

La voglia di rivincita, unita alla lunghissima pausa obbligata dalla pandemia mondiale, dovrebbero spronare i propri giocatori a dare il massimo ai prossimi minicamp estivi degli Warriors. Coach Kerr si aspetta la massima partecipazione dalle sue stelle, Curry, Thompson e Green compresi, per i prossimi appuntamenti:

“Sì, al 100%. Sarei shockato se non volessero partecipare, visto che dovremmo affrontare una pausa forzata lunga nove mesi”

Golden State detiene il record peggiore della lega (15-50) e insieme ad altre sette squadre rivedrà il parquet NBA solo nel prossimo dicembre. Le 8 squadre escluse hanno preteso di iniziare dei minicamp in anticipo e di provare anche ad organizzare un torneo tra di loro, in vista della stagione 2020-2021. Stagione in cui Steve Kerr si aspetta grande apporto dai giovani del roster:

“Mi aspetto un grande miglioramento dai nostri giovani, al punto da poterli inserire nelle rotazioni. Chi sarà? Toccherà a loro. Devono guadagnarselo ai prossimi minicamp, nelle amichevoli. Ma è quello che ci aspettiamo”

Riusciranno i Golden State Warriors a riemergere dall’inferno di questa stagione e a ritornare in vetta alla Western Conference, nonostante la lunghissima pausa forzata e il rientro da infortuni gravi di due giocatori chiave come Curry e Thompson?

Leggi anche:

Le star marciano per George Floyd

Los Angeles Lakers interessati a Bradley Beal

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Golden State Warriors