Seguici su

News NBA

Magic, salta la panchina di coach Frank Vogel

Dopo i Knicks, che hanno sollevato Hornacek dall’incarico di head coach a poche ore dalla fine della regular season, i Magic fanno lo stesso con Vogel

Magic

Gli Orlando Magic, al netto del talento a roster, sono stati forse la più grande delusione della regular season NBA. La franchigia della Florida – che annovera tra le proprie fila giocatori di medio-alto livello NBA come Aaron Gordon, Nikola Vucevic ed Evan Fournier – ha chiuso la stagione con un pessimo bilancio di 25 vittorie e 57 sconfitte. Seconda peggior squadra della Eastern Conference. Quintultima per record dell’intera lega. Il risultato finale, molto al di sotto delle aspettative, ha portato all’inevitabile licenziamento dell’head coach Frank Vogel, giunto appena dopo il termine della regular season.

BACK TO MAGIC

Vogel, al secondo anno sulla panchina dei Magic, ha peggiorato il bilancio della prima stagione, passando da 29 vittorie a 25. 54-110 (32.9 % di successi) il computo complessivo. Non abbastanza, per una franchigia sì giovane negli elementi chiave – 28 anni Vucevic, 26 Fournier, 23 Gordon – ma che si aspettava di andare incontro a un salto di qualità dopo 5 stagioni lontane dai Playoff. Invece è arrivata la sesta, con la beffa aggiuntiva dell’8-4 nelle prime 12 gare.

La situazione in casa Magic potrebbe subìre un ulteriore scossone in estate. Aaron Gordon – di fatto il miglior giocatore della squadra, pur con tutte le sue carenze – sarà restricted free agent. Orlando pare intenzionata a pareggiare ogni offerta. Questo potrebbe, tuttavia, significare max contract.  Gordon è un potenziale all-around player che però ancora ha dimostrato poco ad alto livello. Ha chiuso con 17.6 punti e 7.9 rimbalzi di media in stagione, anche lui in costante calo dopo un inizio scintillante.

Vucevic, invece, sarebbe sul mercato. Muovere un centro old school come il montenegrino non è semplice. Il lungo europeo ha, in ogni caso, una situazione salariale non troppo ingombrante. Prenderà 12.75 milioni di dollari la prossima stagione, poi diventerà unrestricted free agent.

I Magic contano intanto di trovare un buon allenatore cui affidare il futuro della squadra. L’altra priorità è l’imminente Draft 2018, ricco di talento. Il ritorno di Orlando tra i team vincenti della NBA potrebbe essere legato alla chiamata di uno dei super-giovani (DeAndre Ayton, Luka Doncic, Jaren Jackson, Marvin Bagley) pronti a invadere la NBA dalla stagione 2018-2019.

 

Leggi anche:

I Knicks licenziano Jeff Hornacek

Thunder, Russell Westbrook alla seconda stagione in tripla doppia di media di fila

Suns, Booker: “Non voglio più rimanere fuori dai Playoff”

Sixers, Markelle Fultz il più giovane di sempre a centrare una tripla doppia

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA