Seguici su

News NBA

GM Jazz: “Ingles è tra le migliori ali piccole della NBA”

Average Joe, forse, non è così Average

Ingles

Nello Utah, Joe Ingles è noto ai più come Average Joe. Medio Joe, in sostanza. Cifre nella media NBA (11 punti, 4 rimbalzi e 4 assist a partita), aspetto fisico non esattamente da star (capelli radi, pelle color latte, muscolatura non pervenuta), zero momenti da entertainer in campo. Nonostante tutto, Ingles si è guadagnato il rispetto dei tifosi. E dello staff degli Utah Jazz.

AUREA MEDIOCRITAS

La 30enne ala australiana è tenuta in grande considerazione, in particolare, dal GM dei Jazz, Dennis Lindsey. Queste le parole del dirigente in merito:

“Credo che Ingles sia nella top-10 delle ali piccole NBA. So che a un osservatore occasionale questa potrebbe sembrare un’affermazione esagerata. Ma noi dello staff dei Jazz sappiamo bene con chi abbiamo a che fare. Joe non è una star, ma abbiamo un’idea molto precisa di cosa possiamo aspettarci da lui. Ci dà sicurezza col suo grande impegno.”   

Gli ha fatto eco coach Quin Snyder:

“Ci sono giocatori che rendono la squadra migliore della somma delle singole parti. Ingles è migliorato molto come ‘parte’ dell’ingranaggio e aiuta i suoi compagni a dare il massimo a propria volta. Joe è disposto a fare qualsiasi cosa per aiutare il team a vincere. In campo dà il massimo e ha un gioco completo: io e il mio staff sappiamo di poter fare affidamento su di lui.” 

Durante la recente striscia positiva dei Jazz, 11 vittorie in fila tra il 24 gennaio e il 14 febbraio, Ingles è salito di colpi: 15.9 punti di media col 53% dal campo e un clamoroso 54% da tre. Al momento l’australiano è il secondo miglior realizzatore dall’arco della lega per percentuale, col 44% in stagione su 340 tentativi (il primo del ranking è, manco a dirlo, Klay Thompson).

Forse non è tra le migliori dieci ali piccole NBA, ma Average Joe, anno dopo anno, sta dimostrando di essere sempre meno Average.

 

Leggi anche:

LeBron e The Brow giocatori del mese

Continua la saga di Kawhi Leonard. Torna a marzo?

DeMar DeRozan: “Ho combattuto la depressione”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA