Seguici su

News NBA

Lutto NBA: morto Dan Fegan

L’agente NBA stava guidando nelle vicinanze di Aspen quando è stato colpito da un autobus. Feriti gravemente anche il figlio di 5 anni e una donna californiana

È ancora un incidente stradale a colpire il mondo NBA: dopo Rasual Butler, nella mattinata di ieri ha perso la vita l’agente NBA Dan Fegan. 

l’incidente si è verificato sulla Highway 82 nelle vicinanze di Aspen dove l’uomo, nel tentativo di manovra per immettersi nell’autostrada, è stato tamponato sul fianco da un autobus. Insieme a lui viaggiavano il figlio di 5 anni e una donna californiana di 29 che sono stati immediatamente trasportati in ospedali in condizioni gravi. Secondo le ricostruzioni della polizia e dei testimoni, l’autobus, i cui passeggeri non hanno riportato alcuna ferita, non ha avuto alcuna possibilità di evitare lo scontro con il veicolo guidato da Fegan.

La famiglia del deceduto ha poi diramato un comunicato per esprimere il proprio dolore:

“Oggi abbiamo perso un grande uomo, un fratello e un padre che si è sempre adoperato al massimo non solo per i propri clienti, ma anche per tutto ciò che ha ritenuto fosse un diritto per il quale spendere la propria vita. Siamo tutti sconvolti e distrutti da questo tragico evento e apprezziamo la vicinanza dimostrata da molti. Allo stesso tempo però chiediamo di vivere il nostro dolore nel massimo riserbo e in maniera privata.”

Dan Fegan, 56 anni, era un personaggio molto rispettato all’interno della NBA e uno degli agenti più affermati fino alla separazione con la sua agenzia, la Independent Sports & Entertainment. Fegan durante i suoi anni di operato ha tenuto gli interessi di diversi All-Stars come John Wall, DeMarcus Cousins, DeAndre Jordan, Dwight Howard.

Suoi anche i super contratti firmati negli ultimi anni da Joakim Noah, Jrue Holiday e Chandler Parsons. Proprio il giocatore dei Memphis Grizzlies è stato uno dei primi a spendere parole di cordoglio e ringraziamento per l’amico scomparso.

A lui si sono aggiunti poi in diversi, tra giocatori e addetti ai lavori, perché come riportato da Neil Olshey, il President of Basketball Operations dei Blazers:

“I giocatori NBA hanno perso un uomo che si è sempre battuto per i loro diritti, oltre che una grande figura professionale, che ha spesso fatto gli interessi di tutte le parti in gioco nelle trattative a cui ha preso parte.”

 

Leggi anche:

Risultati NBA

Zach LaVine non giocherà i restanti back-to-back

La volta buona dei Toronto Raptors (?)

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA