Seguici su

New York Knicks

Joakim Noah deve operarsi di nuovo alla spalla: fuori dai 4 ai 6 mesi

Dopo una prima stagione non esaltante in maglia Knicks, arrivano altre brutte notizie per Noah, col giocatore che dovrà operarsi di nuovo alla spalla sinistra e rimarrà fuori dai 4 ai 6 mesi.

La prima stagione in maglia Knicks di Joakim Noah non è andata benissimo, e le notizie che giungono da New York sul giocatore sono se vogliamo anche peggiori. Noah ha infatti terminato anzitempo la sua stagione con i Knicks, tra problemi fisici e uno stile di vita rivedibile che lo ha portato ad una sospensione di 20 parte per aver violato i protocolli Nba sull’uso di sostanze proibite. Ora, da quanto riporta Wojnarowski su The Vertical, il giocatore dovrà operarsi alla cuffia dei rotatori della spalla sinistra, e dovrà rimanere fuori per questo dai 4 ai 6 mesi.

Si tratta della stessa operazione a cui il giocatore si è sottoposto l’anno scorso e che aveva chiuso la sua esperienza in maglia Bulls; nonostante i molti problemi fisici i Knicks hanno offerto la scorsa estate a Noah un contratto molto remunerativo da 72 milioni di dollari in quattro anni. Una scelta che rischia di compromettere il futuro dei Knicks nei prossimi anni, visti i continui problemi fisici di Noah. Il giocatore si era infatti già operato lo scorso febbraio al ginocchio sinistro e nella sua prima stagione in maglia Knicks ha giocato solo 46 partita con medie non esaltanti di 5 punti, 8.7 rimbalzi e 2 assist a partita.

Nel 2014 Noah ha vinto il premio di miglior difensore della Lega, ma da quel momento in poi la sua carriera ha imboccato una parabola discendente anche a causa dei molti infortuni. Nei tre anni post premio infatti, Noah ha tenuto una media di soli 5.9 punti a partita tirando con un pessimo 44.7% dal campo.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in New York Knicks

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.