Seguici su

Primo Piano

Cavs e Spurs inarrestabili, Lillard 37, bene Boston!

Risultati della notte con uno strepitoso Lillard che guida alla vittoria Portland, mentre Spurs e Cavs viaggiano con il pilota automatico.

Iniziamo con le partite meno importanti, o comunque quelle che hanno regalato meno spunti rispetto a quelle che verranno analizzate e raccontate nelle prossime schede.

La prima è stata giocata ieri sera alle 18:30 ora italiana, quando gli Atlanta Hawks hanno agevolmente superato i Phildelphia 76ers per 104-72. Gara mai in discussione quella del Wells Fargo Center, dove i ragazzi di coach Budenholzer hanno condotto la gara dal primo all’ultimo minuto. Male Howard, con appena 2 punti e 7 rimbalzi in 20 minuti di gioco, meglio Millsap, Korver e Muscala, che hanno guidato gli Hawks ad una comoda vittoria. Dall’altra parte 14 per Rodriguez e per Embiid.

Seconda vittoria in due partite per i Chicago Bulls, che dominano in lungo e in largo contro degli Indiana Pacers che non sembrano ancora aver trovato la quadra dopo la partenza di coach Vogel. Per Chicago, che tocca anche il +29 ad inizio quarto periodo, è McDermott il top-scorer (23 punti), Rondo segna 12 punti distribuendo 13 assist, Butler e Wade ne mettono insieme 30 (16 e 14). Per i Pacers non bastano le buone percentuali di Turner e George (20 punti ciascuno) in una serata in cui Teague ed Ellis segnano complessivamente due punti con un mero 1/13 al tiro.

Cadono i Minnesota Timberwolves di coach Thibodeau, ancora alla ricerca della prima vittoria stagionale. Sul parquet dei Sacramento Kings di un Cousins ancora positivo (29 punti e 7 rimbalzi) ma uscito per falli nel quarto periodo, i T-Wolves conducono per gran parte della gara toccando anche il +18, ma tra il terzo e il quarto periodo Sacramento si rifà sotto anche grazie a questo genere di giocate:

[fnc_embed]<iframe src=”https://vine.co/v/5pnAJ3WYvH7/embed/simple” width=”600″ height=”600″ frameborder=”0″></iframe><script src=”https://platform.vine.co/static/scripts/embed.js”></script>[/fnc_embed]

 

Nel finale, sul 103-105, Wiggins (autore di 29 punti) ha la palla del pareggio ma non trova il bersaglio, condannando i suoi alla seconda sconfitta stagionale. Da segnalare anche i 28 punti di un Rudy Gay che, nonostante le continue voci di una sua possibile partenza, continua a dare il suo contributo ai Kings.

Precedente1 di 7




Le altre

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Primo Piano

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.