Seguici su

Curiosità

Dieci originali esultanze dopo un canestro da tre punti

Un canestro da tre punti può essere elettrizzante: può allungare sulla squadra avversaria, portare il punteggio in parità, o anche regalare la vittoria. Vediamo allora le dieci esultanze più originali ideate dai giocatori NBA per celebrare il momento.

Intro

In una partita di basket arriva spesso il momento in cui segnare un canestro da dietro l’arco significa dare una potenziale svolta alla gara: i giocatori, in particolare i realizzatori, danno allora sfogo alla propria fantasia celebrando il momento con particolari esultanze. L’NBA ne ha viste di ogni tipo: dalle classiche tre dita alzate al cielo all’altrettanto diffuso pollice unito all’indice, passando poi per diverse esultanze piuttosto contenute. Quelle di Stephen Curry, Michael Jordan e Ray Allen sono solo alcuni dei tantissimi esempi che si possono fare, ma volendo indagare più a fondo ci si accorge che la Lega è ricca di esultanze un po’ meno composte e decisamente più esuberanti. Con buona pace dei giocatori sopra citati, abbiamo perciò deciso di raccoglierne dieci tra quelle più originali, senza un ordine preciso: crediamo infatti che l’originalità sia un fatto soggettivo, e che ognuno abbia la propria classifica personale. Fatte queste premesse, non ci resta dunque che scoprire queste dieci esultanze dopo un canestro da tre punti.

Precedente1 di 11

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Curiosità