Paul George chiede disperatamente aiuto ai compagni

Paul George chiede disperatamente aiuto ai compagni

La star dei Pacers, dopo la sconfitta contro i Raptors in gara-5, chiede uno sforzo aggiuntivo ai suoi compagni, per aiutarlo a trascinare Indiana oltre l’ostacolo.

George

Gli Indiana Pacers stanno giocando una serie ad alta tensione contro i Toronto Raptors e non si possono certo permettere passi falsi delle dimensioni di quello di stanotte quando, dopo aver dominato la partita per tre quarti, hanno ceduto di schianto nell’ultima frazione, segnando solo 9 punti e consegnando in questo modo il match ai Raptors. La tripla di Solomon Hill, che avrebbe potuto salvare, almeno parzialmente, la partita, portandola ai supplementari, è giunta dopo l’ultima sirena, e così Indiana si trova sotto nella serie per 3-2.

Di certo la colpa del tracollo finale non può essere imputata al leader dei Pacers, Paul George, che durante tutto il match, ha messo in piedi una prestazione assolutamente fenomenale, segnando 39 punti  con uno strepitoso 11/19 dal campo, condendoli con 8 rimbalzi e 8 assist. Ma flirtare con la tripla doppia non è bastato a garantire la vittoria agli uomini di Frank Vogel. Evidentemente la sconfitta non è andata giù a PG13, che ha commentato in questo modo:

Non intendo buttar giù i ragazzi, i miei compagni di squadra, ma ognuno deve metterci il suo, individualmente.

Allo stesso tempo una richiesta d’aiuto e una scossa da parte di George, che ieri notte è stato seduto in panchina per soli 7 minuti. Un lasso di tempo che è bastato a garantire il suicidio dei Pacers, con la squadra che, senza George in campo, è stata superata da Toronto di 18 punti. Quello che George sta chiedendo ai suoi compagni è di essere una squadra più simile a quella che ha vinto gara-4 per 100-83, con un grande coinvolgimento corale, nonostante i suoi “soli19 punti.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy