Seguici su

Eurobasket 2015

Serbia quasi perfetta, Italia sconfitta 101-82

Dopo le due straordinarie vittorie contro Spagna e Germania l’Italia ce l’ha fatta, ha strappato il pass per gli ottavi di finale. Prima dei match che andranno in scena questo weekend, tuttavia, resta da giocare l’ultima partita del gruppo B, quella con la Serbia capolista. Un match importante, sì, ma “solo” ai fini del piazzamento finale e dei futuri accoppiamenti visto che entrambe le formazioni sono già qualificate.

La notizia del giorno è l’assenza di Belinelli, tenuto a riposo precauzionalmente in vista delle partite ad eliminazione diretta, che viene sostituito in quintetto da Aradori, affiancato da Cinciarini, Gentile, Gallinari e Bargnani.  La Serbia di Djordevic, invece, risponde con Teodosic, Markovic, Kalinic, Bjelica, Kuzmic.

PRIMO QUARTO. L’avvio di gara è totalmente di marca serba, con Teodosic e Kuzmic che firmano l’8-0 di parziale che dopo soli 3 minuti costringe Pianigiani al time-out. Troppi gli errori dell’attacco azzurro, che al ritorno in campo si sblocca grazie ad una tripla del solito Danilo Gallinari e accorcia sul -5. Bargnani e Gentile vanno ancora a bersaglio, ma dall’altra parte Teodosic è molto difficile da contenere (eufemismo) e a metà primo quarto i ragazzi di Djordevic guidano sul 10-7. Una tripla di Erceg porta a +6 la Serbia, l’Italia fa fatica ai liberi (2/4 tra Gallinari e Cinciarini) e Teodosic e Raduljica incrementano il vantaggio fino alla doppia cifra sul 22-11. La seconda tripla del playmaker serbo permette ai ragazzi di Djordevic di toccare il +14, prima che un parziale di 8-0 firmato Cinciarini, Bargnani, Aradori e Hackett riporti a contatto l’Italia, che chiude il primo quarto in svantaggio 19-25.

SECONDO QUARTO. Il secondo periodo si apre con una tripla di Melli che mette un solo possesso di distanza tra le due squadre sul 22-25, prima che Nedovic e Bargnani si rispondano colpo su colpo mantenendo invariato il distacco sul 24-27. Una tripla di Della Valle riporta a -2 l’Italia, ma prima Teodosic con un canestro meraviglioso, poi Bjelica con due liberi (antisportivo fischiato a Gallinari) e infine il canestro dal post di Raduljica riportano a +8 i serbi. Altri due punti di Raduljica permettono alla Serbia di condurre 37-29 a metà secondo quarto, con Teodosic (già 19 punti per lui) e Bjelica che riportano a 11 il distacco da un’Italia che si affida al purissimo talento di uno strepitoso Gallinari. Un gioco da tre punti di Gentile sembra ridare fiducia all’Italia, Erceg, Teodosic e Bjelica provano a non fare rientrare gli azzurri ma una bella tripla dall’angolo di Cinciarini vale il 37-47 a 90 secondi dall’intervallo. Un altro gioco da tre punti, questa volta messo a segno da Gallinari, costringe Kalinic al terzo fallo e riporta l’Italia sul 40-48, risultato sul quale le due squadre vanno a riposo.

TERZO QUARTO. Bjelica e Cinciarini aprono il secondo tempo con due canestri, Gentile e ancora il Cincia riportano a -6 l’Italia ma una tripla di Markovic firma il nuovo +9 serbo. Un’altra gran penetrazione di Gentile viene vanificata quando Kuzmic trova il gioco tre punti sul versante opposto riportando a 10 i punti di distacco. Teodosic dispensa basket e regala assist come fossero caramelle mettendo in ritmo prima Markovic e poi Bogdanovic per la tripla del +15 che costringe Pianigiani al time-out. Una spettacolare stoppata di Polonara su Nedovic ridà ossigeno agli azzurri, ma Bjelica con una penetrazione magistrale firma nuovamente il +15 sul 65-50. Due liberi di Aradori e un bel jumper di Polonara permettono all’Italia di accorciare sul 65-54, con Bjelica che dopo qualche giro in lunetta si mette in proprio e grazie ad una tripla ed un canestro con fallo (tiro libero supplementare sbagliato) mette ben 17 punti tra le due formazioni. Una spettacolare schiacciata di Gentile, seguita da un suo jumper, permette all’Italia di non soccombere, ma sulla sirena il tap-in vincente di Raduljica ha l’aria della sentenza: 76-59 Serbia al 30′.

QUARTO QUARTO. In avvio di quarto periodo Bargnani viene ben servito da Gentile e segna col jumper, ma l’attacco serbo continua a girare a meraviglia e i punti di distacco si aggirano sempre intorno ai 15. Erceg e Gallinari si rispondono colpo su colpo a suon di triple, mentre Raduljica continua a banchettare sotto le plance e Teodosic continua a regalare perle di altissima pallacanestro. Le difese si rilassano, piovono triple (Bargnani, Bogdanovic) e giochi da tre punti (Gentile) mentre le percentuali serbe rasentano la perfezione. I titolari vengono richiamati in panchina, spazio alle riserve per un finale da vero e proprio garbage time: la Serbia vince quindi 101-82 e conquista il primo posto nel Girone B.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Eurobasket 2015