Seguici su

Playoffs 2016

Tripla doppia di Lebron, Cleveland sul velluto anche in gara 2 – Recap & Pagelle

Tutto facile per i Cleveland Cavaliers, che tengono a bagnomaria gli avversari prima degli allunghi decisivi e chiudono anche questa gara 2 in scioltezza sul punteggio finale di 89-108. Tripla doppia per Lebron James, bene anche Irving, ancora non pervenuto Lowry

cleveland lebron

Non è stato il massacro di gara 1, ma anche questa seconda puntata della finale di conference della Eastern Conference tra Cleveland Cavaliers e Toronto Raptors ha mostrato come la serie paia già ampiamente indirizzata, non tanto per il 2-0 cui si sono portati i Cavs, quanto per i pochi pensieri creati ai padroni di casa da dei Raptors a tratti volenterosi ma che paiono, senza giri di parole, semplicemente inferiori. Gara 2 infatti rimane formalmente aperta almeno fino al terzo quarto, ma Toronto non dà mai veramente l’impressione di poter rimontare lo svantaggio a cui rimane quasi sempre relegata e vincere la partita: e così Cleveland vola a Toronto ancora imbattuta nei playoff e tutto sommato senza troppa fatica, permettendosi anche un po’ di show per i propri leader (tripla doppia per un Lebron James chiaramente non arginabile dalla difesa avversaria, 26 punti invece per Kyrie Irving). I Raptors, nonostante un Kyle Lowry di nuovo quasi desaparecido, trova un positivo DeMar DeRozan (22) e anche tanti punti dalla panchina, eppure è tutto inutile: quando i Cavaliers accelerano un minimo, è notte fonda, l’attacco pare spesso confusionario e troppo legato agli isolamenti, la difesa invece si fa infilare troppo facilmente dalle tante bocche di fuoco dei padroni di casa. Con queste condizioni, pare oggettivamente complicato per i Raptors anche solo tornare alla Quicken Loans Arena…

LA PARTITA

Coach Casey prova a mischiare le carte dopo la brutta sconfitta in gara 1 rispolverando l’esperto Luis Scola in quintetto, praticamente fuori dalle rotazioni per tutti i playoffs. L’esperimento pare dare qualche frutto e, nonostante una difesa rivedibile, Toronto trova buone soluzioni offensive e resta ampiamente in partita pur concedendo molto a Lebron e compagni. E’ proprio quando esce il Prescelto a fine quarto che i Raptors riescono a subire un po’ meno e a portarsi addirittura in vantaggio con un positivo Terrence Ross dalla panchina, prima che 4 punti consecutivi di Irving ristabiliscano le gerarchie: il primo quarto si chiude 28-30 per i padroni di casa.

Nella seconda frazione è di nuovo Ross a ridare il minimo vantaggio ai suoi, ma i Cleveland non si scompone e macina il proprio gioco grazie allo sconfinato talento di Lebron, che segna e crea facilmente per i compagni. Toronto rimane a contatto, ma a questo punto Cleveland alza una marcia nella propria velocità e per i Raptors è già notte fonda: sono in particolare i Big Three a creare, negli ultimi 3.30 della prima metà di gara, un gap di 14 punti (48-62) che non verrà più colmato.

Il terzo quarto rimane all’insegna dell’equilibrio, ma con uno svantaggio in doppia cifra da recuperare per i Raptors, che arrivano al massimo a -10 (61-71) prima che Love e Irving, ben supportati da un Tristan Thompson combattivo sotto i tabelloni, riportino il vantaggio al +17 di fine terzo periodo (69-86). Da qui in poi è, sostanzialmente, accademia, con la tripla di Frye a inizio ultimo periodo che permette ai suoi di scollinare il +20 e di chiudere in scioltezza con un lungo garbage time: il punteggio finale recita un altro pesante 89-108 per i padroni di casa. Ancora una volta l’impressione è quella che i Cavs abbiano tranquillamente in mano il pallino della serie. Staremo a vedere se l’aria del Nord darà nuova linfa ai Raptors, altrimenti questa finale di conference, in queste condizioni, rischia di chiudersi molto presto.

Precedente1 di 2




Recap

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Playoffs 2016

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.