Seguici su

News NBA

Cuban: “Westbrook non è una superstar”. Durant: “Cuban è un idiota”

Scambio di battute non proprio amichevole quello andato in scena prima e dopo gara 5 tra il proprietario dei Dallas Mavs e il #35 dei Thunder

westbrook okc

Mark Cuban è conosciuto e noto nella lega per le sue dichiarazioni non proprio gradevoli, non facendo distinzione fra dirigenti, giocatori ed arbitri nella scelta dei suoi bersagli; nel prepartita di gara 5 tra Dallas e OKC, di certo il proprietario dei Mavs ha tenuto fede alla sua reputazione.

Invitato da un giornalista a parlare delle superstar presenti nel roster degli avversari, Cuban ha infatti dichiarato di conoscerne solo una, e che il suo nome sia Kevin Durant.
“What about Russell Westbrook?” ha insistito il giornalista, visibilmente sorpreso; “Oh, Westbrook è un All Star, ma decisamente non una superstar”– è stata la risposta definitiva.

Dichiarazione piuttosto opinabile se riferita ad un giocatore che sarebbe potuto essere tranquillamente l’MVP della passata regular season, è in corsa per lo stesso premio in questa, durante la quale ha fatto registrare 18 triple doppie (oltre ad una doppia doppia in ogni partita della serie vinta 4-1 contro i Mavs), ed è stato premiato come l’MVP degli ultimi due All Star Game.

Non si è fatta attendere la difesa di Kevin Durant verso il compagno di squadra, arrivata ai microfoni dei media dopo la fine della partita.
Il #35 dei Thunder ha infatti fermato Westbrook, in procinto di rispondere alla domanda di un giornalista sulle dichiarazioni di Cuban, dichiarando quanto segue:

“Mark Cuban è un idiota se dice questo. Non ascoltatelo, perchè Russell è una superstar e lui un idiota”.

Il finale più appropriato per una serie che è apparsa sull’orlo della degenerazione dalla prima all’ultima partita.

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.