Seguici su

Cleveland Cavaliers

LeBron difende Curry dagli attacchi della vecchia guardia: “Steph e io meritiamo rispetto.”

A James non sono andate giù le dichiarazioni anti-Curry dell’ultimo periodo

Lebron

Cavaliers e Warriors potrebbero incontrarsi nelle Finali NBA tra qualche mese. Tra i leader delle due squadre – LeBron James e Steph Curry – il rispetto è assoluto. Il Prescelto, sulla scia delle dichiarazioni anti-Warriors rilasciate – tra gli altri – da Charles Barkley, Oscar Robertson e Phil Jackson, ha voluto dire la sua in merito:

“Io rispetto tutti i grandi che sono venuti prima di me, come rispetto i role players e quelli che non hanno mai vinto un titolo. Sono sempre stato al mio posto; quindi non trovo giusta questa storia del – se avessero giocato nella nostra epoca – con cui molte ex stelle NBA continuano a sminuire i campioni di oggi. Sembra che si divertano. Cose del tipo – se Steph avesse giocato nella nostra epoca lo avremmo limitato usando di più il fisico – oppure Rodman, che di me ha detto che negli anni ’90 sarei stato un giocatore nella media. Un giocatore nella media.”

James ha aggiunto di aver imparato a muoversi all’interno dell’NBA da modelli come Kobe, Duncan e Garnett:

“Loro hanno fatto strada a noi e noi – io, Wade, Melo, Bosh, Paul – vogliamo essere un modello positivo per Steph, Klay e per tutti i grandi della nuova generazione. Le critiche continueranno ad arrivare, dobbiamo essere bravi a non farci influenzare.”

Lo sforzo di James è lodevole, anche se, inconsapevolmente, sembra andare nella direzione di chi vede gli anni ’90 come un’epoca più competitiva. Il Prescelto è sempre pronto a difendere compagni e avversari e a fare da paciere nelle situazioni mediaticamente controverse. E Jordan? Jordan avrebbe fatto lo stesso, al posto suo?

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Cleveland Cavaliers

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.