Waiters fa beneficenza a Philadelphia

Waiters fa beneficenza a Philadelphia

Bel gesto di solidarietà da parte del giocatore degli Oklahoma City Thunder che dona un assegno alla scuola elementare frequentata da piccolino in Pennsylvania

waiters

Dion Waiters prova a ripartire dopo la perdita del fratello ucciso ormai più di una settimana fa in quel di Philadelphia, sua città natale. Per farlo la guardia degli Oklahoma City Thunder vuole dare un segnale prima a se stesso che al mondo e questo segnale passa attraverso un’opera buona.

Waiters infatti ha deciso di donare 10mila dollari alla scuola elementare frequentata in infanzia a Phila, soldi destinati a lavori di ristrutturazione di alcune aule e alla costruzione di un campetto dove i bambini possono iniziare a giocare a basket. La notizia è stata riportata da Anthony Slater del The Oklahoman.

Waiters non ha voluto rilasciare interviste coi giornalisti presenti ma ha parlato per pochi minuti durante la cerimonia di consegna dell’assegno al dirigente scolastico del suo vecchio istituto con queste parole.

Mia madre mi ha insegnato tante cose nella mia vita, tra queste anche quella di non dimenticare mai le proprie origini. Io non dimentico da dove vengo e per questo voglio fare questa donazione alla scuola dove sono cresciuto, perché possa diventare migliore di com’era quando la frequentavo io. Sentivo che era giunto il momento per farlo, sentivo di dover fare qualcosa di diverso per aiutare i bambini del mio quartiere affinché possano crescere lontano dalla strada.

 

Waiters non viene proprio dai quartieri residenziali di Philadelphia, per usare un eufemismo: conosce bene le vicende della sua città e sa quanto sia difficile per un ragazzino crescere in un contesto simile. Il prodotto di Syracuse, oltre al fratello da poco assassinato, ha già perso anche tre cugini e uno dei suoi migliori amici d’infanzia in scontri a fuoco a Philly.

Nel messaggio di Waiters, al di là dell’aspetto economico della donazione, vuole esserci una sorta di speranza per i ragazzi del suo quartiere: un campetto nuovo dove giocare e divertirsi, sfuggendo alle tentazioni e alle cattive compagnie di strada e chissà, magari proprio grazie alla pallacanestro sfondare per un futuro migliore.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy