Seguici su

News NBA

LeBron e quel faccia a faccia collettivo in preseason

Spunta un cosiddetto players-only meeting voluto dal leader dei Cavs e dai senatori dello spogliatoio di Cleveland, per chiarire fin da subito le linee guida della stagione

lebron

LeBron James è un uomo in missione con un solo obiettivo in testa: conquistare il titolo con la maglia dei Cleveland Cavaliers. E’ la squadra del suo cuore, è la squadra che ha lasciato per sbloccarsi e rompere il digiuno per quanto riguarda gli anelli NBA, è la squadra per cui è tornato e riuscire una volta per tutte nell’impresa di far gioire i tifosi della città dell’Ohio vista la carenza di soddisfazioni a livello sportivo non solo nel basket.

Affinché tutto questo si possa realizzare, sono necessari alcuni presupposti di base su cui spicca l’unità di intenti e la solidità dello spogliatoio. La passata stagione non si parlava d’altro della difficile convivenza tra LeBron James e Kevin Love, del fatto che i due si sopportassero poco o nulla e che non si attendeva altro se non il divorzio per il prodotto di UCLA coi Cavs durante l’offseason.

Niente di tutto questo, ma a scanso di equivoci e per mettere subito in chiaro le regole del gioco, LeBron ha deciso di convocare quello che in gergo si chiama players-only meeting, ovvero un incontro nel locker room con presenti solo i giocatori che compongono il roster, prima di una partita di preseason. E’ l’indiscrezione rivelata nelle ultime ore da Chris Haynes del Cleveland Plain Dealer.

I fatti risalirebbero allo scorso 17 ottobre prima del match contro i Toronto Raptors: LeBron manda fuori tutti dallo spogliatoio, chiude la porta dietro di sé e dà il via ad un vero e propri faccia a faccia per stabilire le linee guida e gli obiettivi che ognuno deve perseguire per arrivare a centrare la meta finale. Secondo quanto emerge dalla “riunione” del roster, alcuni tra i senatori del gruppo hanno messo in guardia chi, fino a quel momento della preseason e del training camp più in generale, aveva dimostrato uno scarso livello di concentrazione e attitudine al lavoro con comportamenti troppo frivoli e superficiali.

Non è dato sapere chi ha detto cosa e a chi nello specifico, ma il solo fatto che LeBron su tutti abbia voluto convocare questa sorta di meeting chiarificatore evidenzia come quest’anno i Cavaliers fin da subito vogliano partire sintonizzati sulla stessa lunghezza d’onda e remare nella stessa direzione, senza dare nemmeno la possibilità ai giornalisti al di fuori di poter alimentare polemiche su rivalità interne e spaccature nello spogliatoio che in realtà non esistono. Anche, se non soprattutto da questi piccoli dettagli, si costruiscono le grandi vittorie.

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA