Seguici su

News NBA

NBA Draft 2018: Porter Jr. pronto a tornare in campo

A 5 mesi dal brutto infortunio subito alla schiena Michael Porter Jr. è pronto al rientro

Draft

Non si può dire che gli ultimi siano stati 5 mesi facili per il college basket. In principio l’indagine della FBI che ha portato a 4 arresti per corruzione, poi lo scandalo relativo ad alcuni brand di scarpe che avrebbero influenzato il reclutamento di giovani prospetti e infine la revoca del Titolo NCAA del 2013 ai Louisville Cardinals per un altro scandalo, stavolta a luci rosse.

Ma finalmente c’è una buona notizia: Michael Porter Jr. è pronto a tornare.

A riportare la nuova è stato Jon Rothstein di CBS Sports che non ha specificato quando e se tornerà a giocare partite ufficiali (in questa stagione) ma ha dichiarato che il giocatore ha recuperato dall’infortunio ed è pronto per scendere in campo.

Una buona notizia, come dicevamo, perché insperata. Erano infatti pochissime le chance di ritrovare in campo Porter Jr. in questa stagione. Il prodigio dell’Università del Missouri infatti aveva subito un brutto infortunio alla schiena ad inizio stagione e non era previsto un suo ritorno prima del prossimo anno.

Il suo ritorno apre dunque nuovi scenari in vista del Draft. Porter Jr. infatti, ad inizio stagione, era considerato il candidato più serio ad essere chiamato con la prima scelta assoluta ma anche da infortunato, ogni Mock Draft lo metteva tra le prime 10 chiamate.

Il talento del giocatore non si discute. C’è e pure tanto. Ma la domanda che si faranno molti addetti ai lavori sarà legata al rischio di possibili ricadute. E visto che, più alta sarà la sua chiamata, più ricco sarà il suo contratto è legittimo che attorno alla sua schiena ci sia molta attenzione.

Neanche la storia ci aiuta a capire come potrà tornare Porter Jr. poiché di esempi ce ne sono molteplici, finiti sia bene che meno bene.

Porter Jr. sarà il nuovo Chris Walker (ex Florida Gators che a causa di un infortunio alla schiena è passato dall’essere una promessa a finire nel dimenticatoio) o il nuovo Kyrie Irving che, superato un infortunio analogo, è diventato quello che conosciamo oggi?

 

Leggi anche:

Paul George: “Donovan Mitchell è la Stella dell’ultimo draft”

Le cinque possibili prime scelte al prossimo Draft NBA

Tankapalooza 2018

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA