Seguici su

News NBA

Luke Walton: “Ai Lakers non potevo dire di no”

Il nuovo capo allenatore dei gialloviola torna sulle motivazioni che l’hanno spinto ad accettare l’incarico

Luke Walton

Dopo 2 stagioni da assistente allenatore ai Golden State Warriors e una parentesi, breve ma intensa,  da interim HC, coincisa  con il periodo lontano dai campi di Steve Kerr (39-4 il record), Luke Walton era pronto al grande salto: il 30 aprile scorso è diventato capo allenatore dei Los Angeles Lakers.

ORGOGLIO GIALLOVIOLA Il nuovo HC è tornato recentemente  sulle motivazioni che l’hanno spinto ad accettare la sfida targata  “purple and gold” nella delicata fase di transizione post Kobe:

L’obiettivo è quello di restituire alla franchigia il prestigio e la reputazione che merita. Questo è stato un fattore assolutamente determinante nella scelta. Sono orgoglioso di essere un ex Laker, di essere stato parte  di una squadra che ha vinto titoli (2009 e 2010) ed è passata attraverso momenti difficili e tutto il resto. Questa era un’opportunità alla quale non potevo dire di no.

Prima della sconfitta maturata nella notte tra martedì e mercoledì contro i  Mavs, i Lakers erano  reduci da 3 vittorie in fila e registravano un record positivo per la prima volta dal 2013 (10-9 la partenza di quella stagione).

Leggi anche- Luke Walton è il nuovo allenatore dei Lakers

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.