Minnesota Timberwolves

NBA, il presidente dei Wolves Tim Connelly carica Anthony Edwards: “Farà una stagione mostruosa”

La stagione che prenderà il via tra meno di un mese rappresenterà verosimilmente per i Minnesota Timberwolves uno spartiacque. Già, perché nella scorsa offseason i T’Wolves hanno deciso di mettere sul piatto numerose scelte future al Draft (4 per l’esattezza) e di rinunciare a vari giocatori di rotazione, come Pat Beverley, Malik Beasley, Walker Kessler e Jarred Vanderbilt, per arrivare a Rudy Gobert. Una mossa di mercato per cercare di portare in Minnesota il primo Larry O’Brien Trophy della loro storia o quantomeno di arrivare per la prima volta alle NBA Finals.
Un esperimento che, nonostante le 42 vittorie conquistate nella scorsa stagione, si è rivelato finora deludente. E dalle parti di Minneapolis sono iniziati già i primi ripensamenti in merito all’affare portato a termine dal front office dei Wolves poco più di un anno fa.
Minnesota Timberwolves che, dopo una stagione di transizione, dovranno cercare di aggrapparsi al loro uomo migliore per conquistare un posto ai prossimi Playoff, Anthony Edwards. I Wolves hanno deciso di blindarlo quest’estate con un quinquennale da 260 milioni di dollari.

Nella passata stagione la prima scelta assoluta nel 2020 ha registrato medie di 24.6 punti, 5.8 rimbalzi e 4.4 assist, continuando la sua repentina crescita anche nel Mondiale asiatico. Dimostrando di essere il vero e proprio go-to-guy della spedizione statunitense.

In un’intervista concessa a The Athletic il President of Basketball Operations dei Minnesota Timberwolves, Tim Connelly, si è espresso tra le altre cose sulla prossima stagione NBA pronosticando per “Antman” una grandissima annata:

“È un bravo ragazzo e lo sono anche le persone intorno a lui. Ama la città e la franchigia. Lui e coach Chris Finch hanno un legame speciale. È anche un buon compagno di squadra e non è scontato al giorno d’oggi, soprattutto alla sua età. Incoraggia tutta la squadra e siamo estremamente fortunati ad averlo con noi. Penso che farà una stagione mostruosa. La sua etica del lavoro è stata incredibile in questa offseason. È nella migliore forma fisica della sua vita. Non vede l’ora di fare il passo successivo con i giocatori della nostra squadra e di crescere con loro. Sente subito se le cose non sono sincere, quindi la sfida che gli abbiamo lanciato è stata quella di permettergli di seguire la sua strada, a modo suo”.

 

Leggi anche:

Training camp NBA 2023: gli accordi firmati da tutte le squadre

NBA, Steve Kerr: “Non ho intenzione di andarmene”

NBA, Iguodala su Jordan Poole a Golden State: “Faceva sempre finta di difendere”

 

Share
Pubblicato da
Emanuele Perilli

Recent Posts

Blake Griffin annuncia il ritiro dopo 13 stagioni giocate in NBA

La prima scelta assoluta nel Draft del 2009 annuncia il ritiro dopo 765 partite giocate…

fa 5 ore

Non solo NBA, i nomi di Team USA per le Olimpiadi di Parigi

Con LeBron James, Steph Curry, Kevin Durant e Joel Embiid, in molti lo hanno già…

fa 2 giorni

NBA, Mark Daigneault è l’NBCA Coach of the Year

L'head coach di OKC è stato votato dai colleghi come miglior allenatore della stagione

fa 2 giorni

Record NBA, triple segnate ai Playoff in carriera

Chi vanta il record di triple segnate in carriera ai Playoff NBA? Scopri la classifica…

fa 2 giorni

Record partite giocate Playoff NBA in carriera, la classifica

Chi detiene il record di partite giocate ai Playoff NBA in carriera? Scopri la classifica…

fa 2 giorni

Record Triple Doppie NBA: la classifica completa

Ecco chi sono i leader di questa speciale classifica

fa 2 giorni