All Star Game

All-Star NBA, si pensa a riadottare il formato ‘Est contro West’

La NBA è da tempo così. Cerca infiniti modi per innovarsi, va oltre ai limiti del razionale, per poi (spesse volte) capire che la cosa migliore era esattamente il punto di partenza. E così vale anche per l’All-Star Game. Il commissioner Adam Silver ha dichiarato mercoledì alla trasmissione First Take di ESPN che la lega starebbe pensando di tornare a proporre la sfida tra Eastern Conference e Western Conference. Già a partire dalla prossima stagione a Indianapolis. Ciò significherebbe la fine dell’All-Star Draft che è stato in vigore nelle ultime sei stagioni.

Silver ha avanzato la proposta come parte di un tentativo di dare maggiore peso significativo all’evento, spesso criticato per la sua assenza di verve agonistica.

“Stiamo valutando alcuni potenziali cambiamenti nel formato. Forse un ritorno a qualcosa di più tradizionale in termini di presentazione delle squadre. Siamo passati a una sorta di captain-draft, ma è chiaro che storicamente si trattava di Est contro Ovest, quindi è una cosa che stiamo valutando”.

E Silver stesso ha spiegato questa decisione (ancora da ufficializzare) come direzionata all’aumento della competitività sul parquet. E di conseguenza il miglioramento del prodotto per il pubblico.

“Si tratta di rafforzare con i nostri giocatori e le nostre squadre l’importanza di questo evento per i tifosi. Non ci aspettiamo un’intensità da playoff. Ma ci aspettiamo una partita competitiva per i nostri tifosi”.

Ma il passaggio nel 2018 a un All-Star Draft con capitani aveva lo stesso obiettivo. Il formato tradizionale produceva ripetutamente partite casuali senza difesa o intensità agonistica. E sicuramente la scelta à la Draft dei compagni di squadra è stato un momento inedito e tutto sommato avvincente. E anche lo strano modo di assegnare la vittoria della partita, il cosiddetto Elam Ending, ha aggiunto un po’ di pepe alla partita. Ma da qui a rendere l’All-Star Game competitivo, la strada è ancora lunga.

Non c’è nessuna posta in gioco. E se già le squadre e i giocatori non danno molta importanza a molte partite della stagione regolare, c’è davvero da aspettarsi che i giocatori prendano sul serio l’All-Star Game? È ammirevole che Silver abbia cercato una soluzione. Ma il ritorno a un formato che la lega ha già abbandonato una volta è difficile sia la soluzione.

 

Leggi Anche

Andre Igoudala dice addio al basket

NBA, James Harden salta ancora l’allenamento dei Philadelphia Sixers

Mercato NBA, i Los Angeles Lakers firmano Quinndary Weatherspoon

Share
Pubblicato da
Filippo Riccardo di Chio

Recent Posts

NBA, niente Play-In per Zion! Out per almeno due settimane

Stiramento al bicipite femorale della gamba sinistra per il numero 1 dei Pels

fa 5 ore

NBA, Philadelphia vince contro Miami e troverà New York ai Playoff

Miami perde la gara e trema per l’infortunio di Butler

fa 5 ore

Blake Griffin annuncia il ritiro dopo 13 stagioni giocate in NBA

La prima scelta assoluta nel Draft del 2009 annuncia il ritiro dopo 765 partite giocate…

fa 23 ore

Non solo NBA, i nomi di Team USA per le Olimpiadi di Parigi

Con LeBron James, Steph Curry, Kevin Durant e Joel Embiid, in molti lo hanno già…

fa 3 giorni

NBA, Mark Daigneault è l’NBCA Coach of the Year

L'head coach di OKC è stato votato dai colleghi come miglior allenatore della stagione

fa 3 giorni