New York Knicks

NBA, i Knicks battono gli Heat dopo una rimonta di 21 punti

Nella notte NBA i New York Knicks hanno battuto gli Heat dopo aver raggiunto il -21 a 3:40 dalla fine del terzo quarto. In quel momento Immanuel Quickley aveva alzato gli occhi verso il tabellone per sapere il risultato. A fine partita ha commentato così lo svantaggio in cui si trovavano i Knicks e la rimonta che ne è nata:

“E’ una scelta uscire mentalmente dalla partita o rimanerci. E’ una scelta continuare a combattere e dire a te stesso: ‘Voglio continuare a lottare. Proviamo a rimontare’. Ho visto il risultato e ho detto: ‘Dang’ quando mi sono accorto del nostro svantaggio. Ma mi sono ricomposto subito e sono riuscito ad avere la giusta mentalità”

La vittoria è rimasta in bilico fino all’ultimo possesso. Allo scadere Jimmy Butler ha tirato, e per poco la tripla non è andata dentro. A fine partita la stella degli Heat ha commentato:

“Pensavo che quel tiro sarebbe andato dentro. Voglio sempre vincere ogni partita, per noi il risultato è l’unica cosa che conta, e garantisco che segnerò il prossimo”

Quickley, che in queste prime settimane ha dimostrato di essere tra i favoriti per il premio di Sesto Uomo dell’Anno, ha chiuso la partita con 20 punti (8/17 dal campo e 4/8 da tre) e quattro rimbalzi. Il miglior realizzatore dei Knicks è stato Jalen Brunson con 24 punti (10/16 dal campo), tre rimbalzi e altrettanti assist. L’ex Mavs a fine partita ha parlato della rimonta e del torneo di metà stagione, che rappresenta un obiettivo per i Knicks:

“[La rimonta] è stata speciale. Voglio essere onesto, è stato un momento molto bello. Dobbiamo vincere il torneo. Sono una persona competitiva, voglio vincere qualsiasi sfida ci sia davanti, a prescindere da cosa sia. E questa è una grande opportunità”

La rimonta improbabile ha permesso infatti alla squadra di New York di rimanere in corsa per l’NBA Cup, il torneo di metà stagione le cui qualificazioni si giocano il martedì e venerdì. Attualmente i Knicks sono secondi nel Gruppo B della Eastern Conference, ma sono ancora in corsa per partecipare alla fase finale del torneo.

 

Leggi anche:

NBA Rookie Ladder 2024 – Ep. 1 – Chet Code

Gallinari conferma: “Giocherò finché le gambe reggono. Nazionale? Ci sono sempre per loro”

NBA, l’arbitro Scott Foster e la coppia Durant-Booker rovinano il ritorno di Chris Paul a Phoenix: espulso

Share
Pubblicato da
Carlo Giustozzi

Recent Posts

Blake Griffin annuncia il ritiro dopo 13 stagioni giocate in NBA

La prima scelta assoluta nel Draft del 2009 annuncia il ritiro dopo 765 partite giocate…

fa 5 ore

Non solo NBA, i nomi di Team USA per le Olimpiadi di Parigi

Con LeBron James, Steph Curry, Kevin Durant e Joel Embiid, in molti lo hanno già…

fa 2 giorni

NBA, Mark Daigneault è l’NBCA Coach of the Year

L'head coach di OKC è stato votato dai colleghi come miglior allenatore della stagione

fa 2 giorni

Record NBA, triple segnate ai Playoff in carriera

Chi vanta il record di triple segnate in carriera ai Playoff NBA? Scopri la classifica…

fa 2 giorni

Record partite giocate Playoff NBA in carriera, la classifica

Chi detiene il record di partite giocate ai Playoff NBA in carriera? Scopri la classifica…

fa 2 giorni

Record Triple Doppie NBA: la classifica completa

Ecco chi sono i leader di questa speciale classifica

fa 2 giorni