Mercato NBA 2022

Mercato NBA, Malik Monk sui Lakers: “Rimarrei anche per meno soldi”

I Los Angeles Lakers hanno tanti giocatori che diventeranno free agent giovedì sera, e tra questi c’è in particolare Malik Monk, una delle rare soddisfazioni della franchigia in questa stagione. Il classe 1998 esce da una annata molto buona e può chiaramente pretendere diversi milioni di dollari sul mercato NBA, lui che aveva firmato per Los Angeles lo scorso anno per il minimo salariale. Sarà dura per i Lakers tenerlo alla corte di LeBron James, ma Monk ha detto a The Athletic che è disposto a prendere meno soldi pur rimanere ai gialloviola.

“Potrebbero non essere in grado di pagarmi quanto voglio, ma rimanere qui ed essere molto più a mio agio come Laker che andare in qualsiasi altra squadra anche se mi pagheranno $ 5 milioni in più. In ogni caso, proverò a vedere quale squadra mi vorrà davvero.”

Mercato NBA, le opzioni sul tavolo di Monk

Il meglio che i Lakers possono offrirgli è la mid-level exception da circa 6.3 milioni di dollari, ma possiamo immaginare che il giocatore potrà richiedere la non-taxpayer mid-level exception da 10.1 milioni di dollari e/o un contratto più lungo. Al momento non è chiaro cosa vogliano offrire i californiani, ma senza dubbio vorrebbero tenerlo con sé. La scorsa estate la prima telefonata che ha ricevuto è stata quella dei Lakers con Rob Pelinka, Frank Vogel e persino LeBron James alla cornetta. Queste le parole del fratello e agente del giocatore:

“Gli è piaciuto stare ai Lakers. Vuole essere un Laker. Ma a questo punto aspettiamo di capire cosa succederà sul mercato dei free agent. Siamo persone molto leali. Siamo molto grati per l’opportunità che i Lakers gli han dato la scorsa stagione. E non prendiamo queste cose alla leggera”.

Tuttavia, una cosa è chiara: studierà tutte le sue opzioni, compresa quella di giocare in un’altra squadra se il ruolo disegnato per lui sarà interessante. Lasciare i Lakers potrebbe rivelarsi una decisione migliore a lungo termine.

“Valuterò sicuramente le cose. Non sai mai cosa accadrà. Potrebbe arrivare un’altra squadra e dirmi che forse avrò qualche minuto in più. Quindi una delle priorità è essere in grado di andare in campo e farlo alla mia maniera. Questa è la priorità più grande: una squadra che crederà in me e mi lascerà spazio per giocare.”

 

Leggi anche:

Mercato NBA, gli Spurs cercano la trade con Atlanta: coinvolto Gallinari

Mercato NBA, Kyrie Irving ha via libera dai Nets: si cerca la quadra per sign and trade

Colorado vince la Stanley Cup NHL: i complimenti NBA dai Denver Nuggets

Share
Pubblicato da
Simone Ipprio

Recent Posts

Calendario NBA, Warriors-Lakers come partita di apertura della stagione 2022-2023

Durante l'opening night avverrà anche la consegna degli anelli

fa 4 ore

Dwyane Wade: “I Big Three dei Miami Heat hanno cambiato la NBA”

L’impatto di quella free agency ancora si fa sentire sulla lega di oggi

fa 10 ore

NBA, Kyrie Irving “Massimo 60 partite e no ai back-to-back”

Emergono nuovi dettagli sul rinnovo di Irving e i Nets, le richieste del giocatore

fa 16 ore