News NBA

NBA, Nuggets annientati dai T’Wolves: si deciderà tutto in gara-7

I Denver Nuggets gettano alle ortiche il primo match point per chiudere la serie e vengono travolti dai Minnesota Timberwolves con il risultato di 115-70. Per le pepite si tratta della sconfitta con il maggiore scarto subito (-45) nella loro storia ai Playoff.
A dir il vero sono proprio gli ospiti a partire meglio e a costringere coach Chris Finch a spendere il primo timeout di serata sul risultato di 9-2 in favore di Jokić & Co. I T’Wolves rientrano tuttavia dal timeout con un’energia ed un piglio diversi e mettono a segno un parziale da 29-5 nell’ultima parte del primo quarto che taglia le gambe ai campioni in carica. Da lì in poi i Nuggets tentano una timida rimonta ma non riescono mai a rientrare sotto la singola cifra di svantaggio e ora torneranno a Denver per la decisiva Gara-7 con qualche certezza in meno rispetto alle tre precedenti vittorie ai danni di Minnesota.

Una serie che sin dalle prime battute è stata molto strana, ma giunti a questo punto non importa più se hai perso di 26 in Gara-2 o se hai vinto Gara-3 di 27 punti. Non importa se hai perso le prime due partite casalinghe per poi vincerne tre di fila. Non importa più nulla. Questa è Gara-7. Tutto ciò che è successo nelle sei gare precedenti non esiste più. Esiste solo Gara-7. Lo spettacolo più bello del mondo.

Tornando alla netta vittoria dei T’Wolves tra le mura amiche del Target Center, il top scorer di serata è ancora una volta Anthony Edwards (27 punti) che nel post partita ha analizzato la grande partita giocata dai suoi:

“Ci abbiamo creduto fino alla fine nonostante il nostro morale non fosse al massimo dopo le 3 sconfitte consecutive che abbiamo subito”.

Partita da incorniciare in casa Minnesota anche per Jaden McDaniels che segna 21 punti con 8/10 al tiro e 3/5 dalla lunga distanza.
Per Denver invece, che non fa praticamente mai canestro (26/86 dal campo con il 30.2% e 7/36 da tre), l’unico che prova a salvare la faccia è Nikola Jokić che nonostante le difficoltà al tiro perimetrale (0/4 da dietro l’arco dei tre punti) registra comunque una partita da 22 punti e 9 rimbalzi. Il serbo ha poi commentato senza mezzi termini la debacle rimediata in quel di Minneapolis:

“C’è poco da dire, ci hanno fatto il c**o. Sono stati migliori di noi in ogni aspetto del gioco. Dobbiamo accettarlo e provare a migliorarci la prossima partita. Perdere di 45 punti non è qualcosa che capita tutti i giorni, dobbiamo accettarlo”.

Leggi anche:

NBA Playoff 2024: squadre qualificate, accoppiamenti, tabellone

NBA, i Nets ritireranno la numero 15 di Vince Carter

 

Share
Pubblicato da
Emanuele Perilli

Recent Posts

NBA, Jeff Van Gundy entra nello staff dei Clippers

Dopo l'esperienza come presidente delle basketball operations a Boston, ora sarà l'assistente capo di Ty…

fa 2 ore

NBA, Boston Celtics campioni: ecco le reazioni delle vecchie glorie

Paul Pierce, Kevin Garnett e non solo: tutti a elogiare i Celtics

fa 6 ore

NBA, Kyrie Irving con maturità “Abbiamo imparato tanto da questa serie”

L’analisi delle NBA Finals 2024 da parte di Kyrie Irving

fa 11 ore

NBA, Porzingis vince il titolo ma ora dovrà operarsi: “Ne è valsa la pena”

Il centro lettone ha stretto i denti per poter giocare gara-5 ma ora dovrà operarsi

fa 12 ore

NBA, Luka Doncic incassa la sconfitta per Dallas: “Orgoglioso della mia squadra”

Lo sloveno non ha voluto cercare scuse per la sconfitta nelle Finals

fa 13 ore

NBA, Jaylen Brown nominato MVP delle Finals 2024: “Questo premio è anche di Tatum”

Il giocatore di Boston è stato il vero trascinatore nella serie finale contro Dallas

fa 13 ore