Seguici su

Curiosità

Sette giocatori pronti al ritiro dalla NBA

Vince Carter e Dwyane Wade, ma anche Dirk Nowitzki e Joe Johnson: ecco i sette giocatori che valuteranno il ritiro al termine della stagione 2018-19

Vince Carter

Ci sono cose nelle nostre vite sulle quali non ci è data la possibilità di avere la meglio: fra queste, figura sicuramente l’età che avanza. Possiamo guadagnare tempo, magari tenendoci in forma e in salute, ma prima o poi arriva per tutti il momento in cui ci accorgiamo che il nostro fisico si sta deteriorando. Non riusciamo più a reggere i ritmi precedenti e le nostre abitudini cambiano, così come i nostri interessi.

Ciò vale anche per i giocatori NBA, e persino gli atleti più longevi devono fare i conti con i propri limiti fisici dopo anni di fatiche. Anche se un veterano può ancora dire la sua su un campo da basket, non c’è nulla che faccia più male a un tifoso di vedere il proprio beniamino faticare contro ragazzi che hanno la metà dei suoi anni, ricordando quello che è stato. Probabilmente è in momenti come questi che nella mente del giocatore in questione comincia a formarsi l’idea che forse sia giunto il momento di appendere le scarpe al chiodo.

È il caso dei sette giocatori che abbiamo raccolto qui sotto: sette pilastri della NBA moderna che hanno lasciato un segno indelebile sui parquet della Lega. Giocatori che abbiamo sempre visto su un campo da basket crescendo e che credevamo avrebbero giocato per sempre, talmente siamo abituati alla loro presenza, ma che al termine della stagione potranno dire addio ai propri tifosi, per intraprendere nuove strade. In alcuni casi, tra l’anno del loro ingresso in NBA ed oggi è passato talmente tanto tempo che indicare il semplice numero di anni trascorsi non avrebbe reso l’idea. Abbiamo dunque ragionato in termini di avvenimenti, indicando gli eventi di maggior rilevanza verificatisi nell’anno del loro Draft: vi accorgerete che per alcuni di loro è passato davvero un abisso.

 

Jameer Nelson

 

 

Nato nel: febbraio 1982

Anni di esperienza NBA: 14

Scelto al: Draft 2004

Nell’anno del suo Draft accadeva: Mark Zuckerberg creava Facebook

Nel corso dei suoi 14 anni di onorata carriera, Jameer Nelson ha vissuto molti alti e bassi. Partito con una buona stagione da rookie nel 2004-05, le sue cifre hanno subito una leggera involuzione, almeno fino alla stagione 2008-09, nella quale venne selezionato come riserva per la sua unica apparizione all’All-Star Game, grazie a medie di 16.7 punti e 5.4 assist a partita. Insieme a Dwight Howard, quell’anno portò gli Orlando Magic in Finale, dove vennero sconfitti dai Lakers di Kobe Bryant.

Nelson rimase altre 4 stagioni in Florida, per poi approdare a Dallas nel 2015. Da quel momento la carriera del prodotto della Saint Joseph University ha imboccato la strada dell’inesorabile declino: dopo tre stagioni ai Denver Nuggets, nella scorsa regular season ha esordito con i New Orleans Pelicans, che poi lo hanno scambiato ai Detroit Pistons, dove in 7 apparizioni ha fatto registrare un rivedibile 28.2% dal campo.

Nonostante il giocatore non si sia ancora dichiarato pronto, il fatto di non trovare entro tempi brevi alcuna squadra disposta a puntare su di lui potrebbe accelerare la decisione di un ritiro dai palcoscenici NBA, così come accaduto pochi giorni fa a Richard Jefferson.

Leggi anche: Sette maledetti All-Star finiti nel dimenticatoio

Precedente1 di 7
Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Curiosità