Seguici su

Boston Celtics

Boston Celtics, operazione in vista per Kyrie Irving?

Kyrie Irving si sottoporrà ad un secondo consulto medico che chiarirà la via riabilitativa da seguire per risolvere l’infiammazione al ginocchio sinistro

Risultati NBA

Kyrie Irving oggi avrà un secondo consulto medico per l’infiammazione al ginocchio sinistro, che lo sta tormentando ormai da molto tempo. Secondo alcuni rumors, riportati dal giornalista di Fox Sports Chris Broussard, questo secondo consulto sarà decisivo per scegliere in modo definitivo la via riabilitativa per risolvere l’infiammazione al ginocchio. Le opzioni sono due: continuare con la terapia conservativa, e quindi concedere altro riposo a Kyrie Irving fino al completo recupero. Oppure optare per l’intervento chirurgico: con l’operazione si andrebbero a rimuovere delle viti che erano state inserite nel 2015, quando Irving era andato sotto i ferri per la frattura della rotula. Sarebbero infatti proprio le viti a causare l’infiammazione dell’articolazione che sta tenendo fermo Irving, e rimuovendole si andrebbe a risolvere il problema in modo definitivo.

Di sicuro andare sotto i ferri significa concludere anzitempo la stagione per Kyrie Irving. Boston si troverebbe quindi ad affrontare la post-season senza i due acquisti più importanti della scorsa estate: l’ex Cavs appunto e Gordon Hayward. Per i Celtics sarebbe un colpo importante per una stagione che era partita con grandissime aspettative e che potrebbe essere rovinata dagli infortuni.

Tutto sarà comunque deciso dal secondo consulto medico: sarà operazione o no? Ancora poche ore e si saprà. Nel frattempo a Boston tutti i fans dei Celtics rimangono col fiato sospeso.

 

Leggi anche:

Bucks, problema alla caviglia per Antetokounmpo

Spurs, incontro tra i giocatori per convincere Leonard a rientrare prima dei Playoff

Warriors, Quinn Cook è on fire: “Curry mi motiva”

Commento

Commento

  1. Giorgio

    23/03/2018 13:19

    E’ un bel rebus.
    Intanto, c’è la grande occasione di poter davvero andare alle finals, perchè Boston senza infortuni e con tutti i giocatori vicino al loro top (tolto Hayward), è comunque più forte di Toronto, anche se in questo momento è vero il contrario.
    I tanti infortuni di queste settimane hanno permesso a Tatum di crescere ancora di più, di provare ad essere addirittura la prima opzione offensiva per Boston e hanno dato la possibilità a Morris, Monroe e Rozier di esprimersi al meglio e di guadagnare fiducia. Ciò non può che aiutare ai playoff, quando e se tutti i titolari saranno in campo.
    Inoltre Cleveland, almeno fino al rientro di Love, è apparsa molto distante da quello squadrone devastante che ha distrutto Boston nella finale di conference l’anno scorso.
    Con Love è un’altra squadra, ma a parte lui e Lebron non ha nessuno di realmente determinante per una serie di play off, dove i veri campioni salgano in cattedra e i buoni giocatori scompaiono.
    D’altraparte se sia Smart che soprattutto Irving non saranno al top per i play off, le speranze di arrivare in fondo sarebbero poche e l’idea di poter perdere Irving per mezza stagione o più l’anno prossimo, quando i biancoverdi potrebbero tentare l’assalto al titolo nba, sarebbe peggio.
    Secondo me comunque, si deve provare a vincere quest’anno, dove non c’è certezza a differenza degli anni scorsi, quindi speriamo in una buona notizia per Kyre.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Boston Celtics