Seguici su

Cleveland Cavaliers

James: “Era da un po’ che non avevo un compagno in grado di creare gioco”

Senza un vero playmaker il gioco dei Cavs ruota intorno al solo LeBron James che non ritiene questa situazione particolarmente problematica.

L’inizio della stagione dei Cleveland Cavaliers è stato senza dubbio problematico. I risultati non hanno aiutato quello che sembra un gioco che ancora non si è adattato alla mancanza di Kyrie Irving. In aggiunta gli infortuni, su tutti quelli di Derrick Rose e Isaiah Thomas.

Più di tutti è LeBron James che deve fare i conti, in termini di gioco, con l’assenza del suo (ex?) pupillo. Nonostante tutto Lebron non si è mai dimostrato molto preoccupato per il gioco e per l’inizio claudicante di Cleveland. Creare delle situazioni offensive nel contesto Cavs è una qualità che non tutti possiedono, vuoi per limiti tecnici, vuoi per limiti tattici dato il particolare mindset che le difese avversarie mettono in campo contro le grandi squadre.

James stesso afferma che si sente la mancanza di Kyrie nel gioco dei Cavaliers, ma che è giusto che sia così perché una squadra che lotta per il titolo può e deve fare degli aggiustamenti in tal senso.

Era da un po’ che non avevo qualcuno che coinvolge i compagni ma che può anche segnare allo stesso tempo. Ma va bene. E’ qualcosa che il nostro team sistemerà.

James è anche un playmaker e questa straordinaria notizia non è una novità. Può e sa fare di tutto e questo, almeno per il momento, rende le cose meno problematiche di quanto dovrebbero essere. L’apporto di Kevin Love ancora non convince a pieno tutti, con la partenza di Irving infatti ci si attendeva uno step up, un incremento nel livello di gioco dell’ex T’wolves. Quella che dovrebbe essere la seconda opzione offensiva si mostra ancora non pienamente ed inequivocabilmente utile alla causa Cavaliers.

L’attesa è tutta per IT4. Lo stesso Isaiah Thomas afferma che è lui il pezzo mancante nel puzzle che LeBron sta cercando di risolvere:

Posso aiutare, in primo luogo con la mia aggressività e la mia abilità nel fare punti. Ma anche solo mettendo ogni volta pressione alla difesa. Sono in grado di andare nel pitturato e costringere la difesa a fare una scelta su cosa vogliono fermare. Sono in grado di andare sulla linea dei tiri liberi. Piccole cose come queste che nessuno sta realmente facendo a parte LeBron.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Cleveland Cavaliers

Open