Seguici su

L.A. Lakers

Julius Randle alla ricerca della sua stagione migliore in vista del “Contract year”

Il giocatore dei Lakers è in scadenza e incerto di partire in quintetto, ma sta usando tutto ciò come motivazione per allenarsi con grandissima intensità.

Julius Randle

L’estate prossima dal punto di vista contrattuale sarà fondamentale per i Los Angeles Lakers, che avranno lo spazio salariale necessario per firmare uno o due free agent di altissimo livello come ad esempio Lebron James. In questa offseason che verrà, così turbolenta, i Lakers dovranno anche occuparsi del rinnovo di Julius Randle, appena entrato nell’ultimo anno di contratto.

Nel suo contratto da Rookie è presente una qualifying offer da quasi 6 milioni che gli permetterà di diventare restricted free agent. Randle sembra del tutto intenzionato a continuare la sua esperienza con la franchigia losangelina e lo sta dimostrando sul campo a Coach Walton:

“Dopo un inizio in cui sembrava un po’ estraneo alla squadra, nelle ultime settimane sta giocando con il coltello fra i denti. Ha giocato una grande gara a Sacramento; la competizione sta tirando fuori il meglio da lui e sta inalzando il suo livello di gioco per meritarsi il quintetto e ogni minuto in campo”.

La partita in questione è stata chiusa dall’ex giocatore di Kentucky con 17 punti e 10 rimbalzi partendo dalla panchina; si perché oltre che per un contratto importante, Randle sta giocando anche per mantenere il suo posto in quintetto messo in discussione dalle recenti prestazioni del nuovo arrivato Kyle Kuzma:

“Il dibattito su chi partirà titolare nella posizione di quattro andrà avanti ancora, probabilmente la risposta definitiva si avrà dopo l’ultima partita di preaseason”.

Cosi ha risposto Luke Walton all’enesima domanda su chi partirà titolare quest’anno in quella posizione.

Le cifre di Julius Randle in questa Preseason sono ottime 13 punti, 7 rimbalzi, 2 rubate a partita, con il solito playmaking occulto, ma anche i soliti passaggi vuoto fatti di forzature e scelte sbagliate per superficialità; di nuovo però c’è un attenzione alla difesa sua e da parte dei compagni che ha piacevolmente impressionato l’allenatore dei Lakers.

Non resta quindi che aspettare l’ultima partita di preseason, venerdì, contro i Los Angeles Clippers per poi scoprire quale sarà la conformazione ai blocchi di partenza di questi LA Lakers.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in L.A. Lakers