Westbrook: “Non mi frega un ca… delle triple doppie da leggenda, se poi perdiamo”

Westbrook: “Non mi frega un ca… delle triple doppie da leggenda, se poi perdiamo”

Westbrook ha giocato in modalità “hero ball” per buona parte di gara-2 contro gli Houston Rockets, battendo l’ennesimo record e prendendosela, inevitabilmente, con dei compagni non all’altezza

Commenta per primo!
Westbrook

Russell Westbrook è sempre più nella leggenda, sia per le prestazioni monstre che per le dichiarazioni post-partita. Il play degli Oklahoma City Thunder, nella gara-2 della serie contro gli Houston Rockets, ha centrato il record NBA per il maggior numero di punti messi a segno in una tripla doppia-playoff (battendo ancora una volta il mito Oscar Robertson). 51 (!) punti, 10 rimbalzi e 13 assist in 41 minuti di gioco. OKC, però, ha perso 115-111 e Westbrook ha sfogato tutta la propria frustrazione nelle dichiarazioni alla stampa.

UNO CONTRO TUTTI

Queste le parole di Russ:

Non mi frega un ca… delle mie statistiche. Abbiamo perso. 

Westbrook ha segnato, in buona sostanza, la metà dei punti dei Thunder (Andre Roberson, uno dei peggiori attaccanti della Lega, è stato inaspettato secondo miglior realizzatore di squadra con 12). L’inconcludenza dei compagni lo ha portato a forzare spesso e volentieri e a mettere insieme un “lato oscuro della statline” fatto di 26 tiri sbagliati, solo 4 conclusioni a segno (su 18) nell’ultimo quarto, un orrido 2-11 da tre  e 4 palle perse.

Il punto è: dove finisce il delirio di onnipotenza cestistico westbrookiano e dove inizia la mancanza di talento diffusa connaturata al roster dei Thunder? Al resto della serie contro i Rockets, ai posteri e alla prossima prestazione leggendaria di Westbrook – chissà se con annessa dichiarazione piccata – l’ardua sentenza.

NBA NEWS

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy