Ray Allen sull’NBA di oggi: “Sono davvero invidioso di come si è evoluto il gioco”

Ray Allen sull’NBA di oggi: “Sono davvero invidioso di come si è evoluto il gioco”

Il 10 volte All-Star Ray Allen ha raccontato cosa ne pensa di come si sia evoluta lega ai nostri giorni e di quanto sia stato difficile ritirarsi in un’intervista a “The Jump” di ESPN

Commenta per primo!
ray allen

Ray Allen, uno dei migliori tiratori della storia dell’NBA, pur non giocando nella lega da diversi anni, sa che la colpa non è interamente sua. Il 10 volte All-Star, infatti, dopo essere sceso in campo l’ultima volta con la maglia dei Miami Heat nella stagione 2013-14, è rimasto per molto tempo free agent e ha annunciato il suo ritiro solamente l’1 novembre 2016.

Lo stesso Allen, oggi 41enne, durante l’episodio di domenica scorsa di “The Jump” (programma condotto da Rachel Nichols di ESPN), ha raccontato i motivi del suo ritiro e cosa ne pensi dell’NBA dei nostri giorni.

La maggior parte delle domande che ho ricevuto mi chiedevano se ero pronto ad accettare il mio ruolo di veterano e a sedermi in panchina come mentore per i ragazzi più giovani.– ha spiegato.- Amo farlo, mi viene naturale, ma io volevo giocare. Avrei voluto essere capace di scendere in campo e guadagnarmi quanti più minuti possibile. Ma non sapevo se ciò sarebbe stato possibile. 

L’ex Milwaukee e Boston ha, poi, aggiunto che gli manca moltissimo giocare e non appena la Nichols ha chiesto se gli piacerebbe giocare nell’NBA di oggi, in cui giocatori come Steph Curry sono sotto i riflettori per il loro tiro dalla lunga distanza, Allen ha voluto dire la propria.

È interessante; è divertente guardarli perché non c’è solo Golden State, non c’è solo Cleveland. – ha risposto.- Puoi vedere Toronto giocare in questo modo, puoi vedere Phoenix giocare in questo modo, puoi vedere anche Milwaukee e molte altre squadre giocare in questo modo. Quando io ero a Milwaukee, noi giocavamo in questa maniera, ma venivamo sempre criticati perché dicevano che non si poteva vincere con lo “small ball” (cioè uno stile di gioco generalmente basato su velocità, agilità e tiro da 3)… Noi non eravamo convenzionali negli anni 90.

E ha concluso affermando:

 La linea del tiro da 3 punti è diventata di enorme importanza  e i grandi tirano dalla lunga distanza adesso. Il gioco è decisamente cambiato. Io lo invidio moltissimo, sembra essere davvero divertente e potrei decisamente trovarmi bene a giocare.

LEGGI ANCHE:

Ray Allen – He Got Game

Ray Allen annuncia il ritiro: ecco la lettera strappalacrime

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy