Seguici su

Miami Heat

Bosh punta a tornare: “Nel profondo sono ancora un atleta”

Chris Bosh è intervenuto nel corso della trasmissione “Larry King Now”

Chris Bosh scalpita e, dopo più di un anno di assenza, punta a tornare quanto prima a calcare i parquet NBA.

Come riportato da Ira Winderman di The Sun Sentinel,  il due volte campione NBA con la maglia dei Miami Heat è intervenuto nel corso della trasmissione televisiva “Larry King Now” sul network digitale Ora.tv e ha fatto il punto sulla propria situazione. Riportiamo di seguito  i passaggi più significativi:

Penso che tornerò. Nel mio cuore sono ancora un atleta. Non voglio che [la mia carriera] si chiuda così. […] È complicato, è molto molto complicato, ed è per questo che non sono stato in grado di giocare quest’anno.

La lontananza dai campi suscita in Bosh emozioni contrastanti:

Una parte di me ha nostalgia del gioco, l’altra no. Ho imparato ad apprezzare aspetti diversi della vita. C’è molta vita al di fuori della pallacanestro. […] Ho passato del tempo con i miei figli, mia moglie, rilassandomi e lavorando sulla mia mente e la mia anima. […] È stato un periodo interessante, solo perché sono abituato a giocare a pallacanestro. Sono abituato ad allenarmi. Sono abituato alla routine. Ero nato per fare questo. È ciò che ho fatto per tutta la mia vita. Nell’ultimo anno non ho potuto contare su questo. Ciò mi ha obbligato a cambiare sotto molti aspetti.

CAPITOLO MIAMI Il rapporto con i Miami Heat si è interrotto nel peggiore dei modi  [il suo contratto da $52 milioni di dollari pesa ancora sul monte salari di Miami], ma Bosh non serba alcun rancore nei confronti della dirigenza:

Capisco ciò che devono fare come squadra. È un business, so che noi – atleti, dirigenti,  o chiunque lavori nell’ NBA-non vogliamo mai dire che è un business o cose di questo genere. È un business. […] In qualità di presidente dei Miami Heat, capisco ciò che [Pat Riley] deve fare. 

FUTURO A domanda precisa sul futuro, Bosh ha tergiversato:

Non lo so. Questo mi eccita. […]  Ho molte cose in mente

La possibilità di allenare non viene nemmeno presa in considerazione:

No, non voglio allenare. Sarò sempre nell’ambiente. Penso che se dovessi farlo sarebbe con le giovani menti. 

Leggi anche- Chris Bosh rilancia: sono in salute. Mi sento bene”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Miami Heat