Seguici su

Curiosità

I 30 dilemmi della Free Agency 2017

Con la regular season al termine ed una free agency che si preannuncia più che scoppiettante ogni squadra si ritrova a fare i conti con i propri giocatori in scadenza. Rinnovare o lasciar andare? Scopriamo insieme i dilemmi e rischi estivi delle trenta franchigie NBA.

Esistono tante regole non scritte, tanto nella vita quanto nel basket. La più importante è stata spesso insegnata da grandi maestri di questo sport nel modo più brutale possibile, tanto che c’è ancora chi non è stato in grado di recepirla, assimilarla, accettarla.

Prepararsi sempre a veder partire il free agent della propria squadra preferita, recita la massima. Nel migliore dei casi il vostro beniamino resterà e potrete dormire sonni sereni in seguito alla firma di un bel quinquennale con tanto di no-trade clause, nel peggiore, ovvero quando il vostro idolo prenderà baracca e burattini portando il proprio talento altrove, potrete dire di essere già pronti.

L’essere pronti è comunque relativo. Si può essere pronti entrando nel mood di serena accettazione di una partenza importante (gli Hawks con il buon Al Horford?) o armarsi anzitempo di cerini, canotta e materiale infiammabile per accettare, in modo tutt’altro che pacifico, la dipartita.

Viste le tante possibilità e varianti, cosa c’è di meglio di una guida ai possibili partenti di quest’estate? Nulla di struggente, uno per franchigia. Mal comune, mezzo gaudio.

Precedente1 di 11

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Curiosità