Seguici su

New York Knicks

La NBPA non farà ricorso contro la sospensione di Noah

Il giocatore dei Knicks, sospeso per utilizzo di sostanze vietate, ha ammesso il suo errore e ha annunciato che non farà ricorso

È di ieri la notizia della sospensione per 20 partite per Joakim Noah per utilizzo di sostanze vietate, ed oggi la National Basketball Players Association (NBPA) ha annunciato che non farà ricorso contro la sospensione.

Joakim è completamente disponibile e cooperativo nelle indagini e credo che questo caso isolato sia un semplice errore – si legge in un comunicato ufficialeJoakim si è scusato e né lui né la NBPA ricorreranno in appello

Prima che inizi la sospensione, la lega dovrà verificare che Noah sia fisicamente pronto a giocare dopo che il mese scorso si era sottoposto ad un intervento chirurgico al ginocchio sinistro.

La sostanza vietata assunta da Noah, l’androgeno LGD-4033, è vietata sia dalla NBA che dall’agenzia mondiale anti-doping, la WADA, a causa delle sue somiglianze con gli steroidi anabolizzanti. La certezza è che in questa stagione non vedremo più in campo l’ex Bulls, fresco di un nuovo quadriennale da 72 milioni di dollari, resta solo da vedere quante saranno le partite che il giocatore di New York salterà all’inizio della prossima regular season.

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in New York Knicks