Wall e Cousins vogliono tornare a giocare insieme come ai tempi del college

Wall e Cousins vogliono tornare a giocare insieme come ai tempi del college

John Wall e DeMarcus Cousins, ex compagni di squadra al college, hanno dichiarato che vogliono tornare a giocare insieme anche in Nba.

Ex compagni di squadra all’università di Kentucky, John Wall e DeMarcus Cousins hanno dichiarato ai giornalisti che il loro obbiettivo è di tornare a giocare insieme anche in Nba. I due giocatori si sono sfidati lunedì sul parquet di Washington e nel pre e post partita entrami hanno dichiarato che molte volte nello loro chiacchierate si è toccato l’argomento di tornare a giocare insieme.

Il problema più grande in questa reunion sembra essere la squadra; infatti sia Wall che Cousins sembrano trovarsi molto bene nelle loro attuali franchigie.

Queste sono infatti le parole di John Wall sull’argomento:

Tutto quello che dobbiamo fare è metterci d’accordo. Cousins ama i Kings e dove si trova in questo momento, io invece amo Washington e so che i Wizards stanno costruendo per diventare una franchigia vincente. Se io e DeMarcus giocheremo assieme, sarà per vincere, quindi dove sono ora sembra essere un’ottima soluzione.

E queste le dichiarazioni di Cousins, che fa entrare nella discussione anche Bledsoe, play dei Suns e anche lui ex compagno di DeMarcus e John in quel di Kentucky.

Tutti e due verranno a giocare a Sacramento. Tutti a Sacramento! Wall ci vuole a Washington, Bledsoe ci vuole a Phoenix…. sarebbe fantastico giocare di nuovo con Eric e John, veramente. Siamo in Nba e non si sa mai cosa possa accadere nel futuro. Quindi spero che saremo tutti assieme in maglia Kings in futuro.

Perché questa reunion accada però i tre giocatori dovranno aspettare, al netto di trade, almeno fino alla offseason del 2019, con il contratto di Cousins che scadrà al termine della stagione 17/18 mentre Bledsoe e Wall sono legati alle loro squadre fino alla stagione 18/19.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy