Draymond Green: “Le disavventure passate mi hanno aiutato a crescere”

Draymond Green: “Le disavventure passate mi hanno aiutato a crescere”

Green ha dichiarato di aver imparato dai propri errori e di sentirsi una persona migliore.

Commenta per primo!
Draymond Green

Gli ultimi mesi di Draymond Green sono stati decisamente “movimentati”. Il giocatore dei Golden State Warriors, dopo aver saltato per squalifica la decisiva Gara-5 delle scorse NBA Finals contro i Cleveland Cavaliers, è stato arrestato nel mese di Luglio per una rissa avvenuta in un bar del Michigan e, successivamente, ha inavvertitamente mostrato a milioni di persone su Snapchat una foto delle sue parti intime

Recentemente Green è tornato a parlare di questi spiacevoli fatti extra-cestistici, focalizzandosi soprattutto sulla scazzottata del 10 Luglio avvenuta con Jermaine Edmondson, ex-giocatore di football di Michigan State University:

E’ stata una rissa pazzesca. Ovviamente ero nel torto, perché non si può prendere a schiaffi un altro ragazzo, ma avevo anche le mie ragioni. Ho sbagliato e ho giustamente pagato per il mio comportamento. Ciò che è successo mi ha fatto crescere molto, ho imparato la lezione, e mi serviva dopo i fatti che mi hanno coinvolto nella scorsa postseason. Situazioni come questa non mi hanno solo fatto crescere come giocatore di basket, ma anche come persona. Ho avuto tempo e modo di riflettere e ora mi sento un uomo più profondo e saggio.

Draymond Green, per mettere fine a questa sgradevole disavventura, ha accettato il patteggiamento e pagato una multa di 560 dollari.

Il lungo dei Warriors, inoltre, ha dichiarato che la sua delusione e frustrazione per aver perso le Finals contro i Cavs sono state letteralmente cancellate dall’arrivo-shock di Kevin Durant alla corte di coach Steve Kerr:

Per almeno un mese sono stato arrabbiato e dispiaciuto per come abbiamo buttato via il titolo NBA facendoci rimontare dai Cleveland Cavaliers dal 3-1 al 3-4. Poi la notizia dell’acquisto di Kevin mi ha rallegrato e non poco, perché con lui siamo ancora più forti e possiamo tornare a dare la caccia al prossimo anello. Devo dire che Durant ai Warriors è stato un gran premio di consolazione!

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy