Phil Jackson categorico “La triangolo deve funzionare. Ritorno ai Lakers? Non ora”

Phil Jackson categorico “La triangolo deve funzionare. Ritorno ai Lakers? Non ora”

Coach Zen affronta diversi temi ai microfoni di ESPN, specialmente il momento non positivo dei suoi Knicks e le voci su un suo possibile come back in quel di L.A.

Il presidente delle Basketball Operations dei New York Knicks, Sua Zenità Phil Jackson, non può essere del tutto soddisfatto delle prestazioni della sua squadra che staziona momentaneamente alla 12esima posizione della Easter Conference con il record di 3 sole vittorie e 6 sconfitte.

Ma c’è di più: la triangle offense, mantra solido da sempre nelle convinzioni di Jackson, tarda ad imporsi come schema portante dell’attacco ideato da Coach Jeff Hornacek, con i giocatori che in più di un’occasione hanno manifestato qualche perplessità sulle idee partorite da Tex Winter.
Jackson ha provato tuttavia a riportare ordine tra le fila e ai microfoni di Jackie MacMullan di ESPN ha rilasciato le seguenti dichiarazioni:

“Non sono preoccupato al momento, ma quando i giocatori eseguono la triangolo voglio che la facciano nel modo giusto. Se hanno intenzione di usarla, devono farlo usando anche le loro abilità e portarla a compimento nel modo più corretto. Quindi al momento non sono per niente frustrato. Derrick Rose ha perso 3 settimane di training camp a causa del processo, quindi è totalmente comprensibile la situazione in cui ci troviamo adesso. Abbiamo guardie in grado di fare molte cose dopo il dribbling quindi voglio che capiscano che possono fare molto di più di un semplice passaggio. Deve essere una combinazione tra le loro abilità e i loro compiti”.

Alla curiosa domanda di MacMullan su un suo probabile ritorno in questi Lakers 2.0, Coach Zen ha poi risposto in questa maniera:

“I Lakers si stanno muovendo nella giusta direzione, Luke Walton li sta spronando al massimo, Brian Shaw è un head coach associato; hanno un gruppo di ragazzi in grado di fare le cose per bene. Non è mai stata una priorità per me ritornare ad L.A. in questo contesto e farne parte, specialmente non adesso, amo quello che faccio a New York e il mio compito qui”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy