Riley: “Ho mandato una mail a Wade”. La guardia neo-Bulls: “Non l’ho letta”.

Riley: “Ho mandato una mail a Wade”. La guardia neo-Bulls: “Non l’ho letta”.

Continua la saga “vedo-non vedo/parlo-non parlo” tra il presidente dei Miami Heat e la guardia ora in forza ai Bulls

Commenta per primo!
Riley

Il ritorno di Dwyane Wade a Miami, da avversario e con la maglia dei Bulls, si è concluso con una vittoria (98-95 per Chicago). Pat Riley, presidente della franchigia della Florida, ha approfittato del comeback di Wade per tentare di riallacciare i rapporti col giocatore. I due, infatti, dopo l’inaspettata decisione della guardia di lasciare gli Heat, sembravano intenzionati a “tagliare i ponti” in modo definitivo. Riley ha deciso di fare il primo passo verso il riavvicinamento, mandando una lunga mail chiarificatrice a Wade nella giornata di ieri…

TEMPO

Queste le dichiarazioni di Riley, rilasciate al Sun Sentinel:

Spero che la mail gli sia arrivata. Non si sa mai, di questi tempi cambiano tutti email e numero di telefono alla velocità della luce. 

E poi, entrando più nel merito della separazione “difficile”:

Dopo 13 anni insieme, credo che nessuno dei due sia tenuto a giustificarsi nei confronti dell’altro.

Pronta, e non necessariamente conciliante, la replica di Wade, giunta con queste parole rilasciate a CSN Chicago:

Non ho ancora avuto tempo di leggere le mie email. Ho solo visto che ne sono arrivate di nuove. Niente per cui strabuzzare gli occhi. 

La saga Riley-Wade continua, in vista del prossimo episodio. Rematch sul campo, stavolta a Chicago, previsto per il 10 dicembre, con la seconda sfida stagionale tra Heat e Bulls.

NEWS NBA

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy