Westbrook: “Non rispondo più alle domande su Durant”.

Westbrook: “Non rispondo più alle domande su Durant”.

Il play dei Thunder, dopo l’ennesima prova-monstre contro i Clippers e in vista della partita di stanotte di OKC in casa dei Golden State Warriors, vuol parlare solo di basket giocato

Commenta per primo!
Westbrook

Russell Westbrook è il Personaggio con la “p” maiuscola di questo inizio di stagione NBA. I 37.8 punti, 10.5 rimbalzi e 10 assist di media racimolati nelle prime 4 partite della regular season parlano per lui (4 vittorie per i Thunder, oltretutto).

Stanotte il play di OKC affronterà il suo ex-amico/nemico/alter ego/Personaggio con la “p” maiuscola dell’offseason NBA: Kevin Durant, nella sfida delle 3.30 (ora italiana) tra Thunder e Golden State Warriors. In campo se ne vedranno delle belle; Westbrook, e per i Warriors potrebbe essere un problema vederlo in campo così concentrato, vuol parlare solo di basket giocato, per mettere a tacere le infinite dietrologie che hanno riguardato proprio l’abbandono di OKC da parte di Durant.

ANDARE AVANTI

Ecco un estratto, vagamente piccato e quanto mai trasparente, delle dichiarazioni rilasciate dal play dei Thunder a ESPN, al termine della partita della notte scorsa vinta dai Thunder contro i Clippers (85-83):

Non rispondo più alle domande che riguardano Kevin Durant. Se vogliamo parlare di basket sono disponibilissimo a farlo, ma basta con le domande su Durant. 

Una presa di posizione netta, dopo tutte le dichiarazioni (più o meno manipolate) rilasciate da entrambe le parti negli ultimi mesi. Westbrook vuole andare avanti, alla guida dei giovani Thunder edizione 2016-2017, senza più pensare al passato. Gli avversari sono avvisati.

NEWS NBA

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy