Dallas Mavericks: Cousins è l’obiettivo per il 2018

Dallas Mavericks: Cousins è l’obiettivo per il 2018

Le carte di identità – nonché le precarie condizioni fisiche – di Nowitzki e Bogut impongono uno sguardo rivolto al futuro in casa Mavs. L’obiettivo per il 2018, allora, è ben chiaro: DeMarcus Cousins

Commenta per primo!
Cousins

In una delle estati più tristi e dolorose degli ultimi anni, gli appassionati del mondo NBA hanno dovuto assistere inermi all’addio di tre insostituibili bandiere del calibro di Bryant, Garnett e Duncan. Chi invece ha deciso che non era ancora arrivato il momento di abbandonare la scena è Dirk Nowitzki, che continuerà a deliziare Dallas con la sua eleganza e il suo inimitabile carisma quantomeno per una stagione ancora. Forse – si spera – anche due, visto che il contratto firmato a inizio stagione avrà durata di due anni( il tedesco avrà comunque la possibilità di uscire dal contratto al termine della stagione 2016-2017). Ma la sensazione è che all’alba della stagione 2018-2019, quando Wunder Dirk sarà ormai alla soglia dei 40 anni, si dovrà osservare impotenti anche l’addio del lungo nativo di Würzburg. Questo lo sanno anche in Texas, dove non a caso già si inizia a pensare al futuro. Futuro che potrebbe avere un nome ed un cognome ben precisi: DeMarcus Cousins.

A tal proposito, le ultime notizie raccontano, in vista della free agency del 2018, di un forte interessamento dei Mavs per la stella dei Kings, sempre più insofferente al “clima californiano”, caratterizzato da tante sconfitte e da poche idee per il futuro. Nell’estate 2018-2019 infatti il salary cap di Dallas, considerando i contratti garantiti, si assesterà a poco più di 38 milioni, e consentirà perciò un ampio “margine di manovra” – in termini di spazio salariale, naturalmente – per tentare di convincere il centro di Sacramento ad aderire al progetto dei Mavericks dove sicuramente guadagnerebbe meno soldi, ma avrebbe molte più chance di vittoria.

Il corridore tedesco è ormai allo sprint finale e il testimone è ben saldo in quella grossa e dolcissima mano destra. Resta solo da scoprire chi sarà il “fortunato” ( o sfortunato, considerando quanto peserà quel testimone) che, tra un anno o forse due, dovrà assumersi l’onere e l’onore di prenderlo a sua volta per continuare la staffetta. DeMarcus Cousins sarebbe senza dubbio un’ottima soluzione, ma la scelta spetterà a lui e a lui soltanto.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy