Iguodala su McGee: “E’ meglio di alcuni giocatori che guadagnano molto di più”

Iguodala su McGee: “E’ meglio di alcuni giocatori che guadagnano molto di più”

Le dichiarazioni di stima di Andre Iguodala rivolte a Javale McGee, suo vecchio – e probabilmente nuovo, nella prossima stagione – compagno di squadra.

Commenta per primo!

La nuova stagione NBA è ormai alle porte e indicare Golden State come favorita per la vittoria del titolo finale, dopo l’aggiunta di uno dei “top-three players” ad un roster già stellare di suo, è operazione tanto scontata quanto banale.
Come se ciò non bastasse, inoltre, all’interno dello spogliatoio Warriors, c’è chi ritiene che quello di Durant non sia l’unico acquisto degno di considerazione della franchigia della Baia.

Sono infatti di oggi le dichiarazioni di Andre Iguodala, MVP delle Finals nel 2015, sul neo-acquisto Javale McGee, 28 anni, giocatore lungamente considerato, per i mezzi atletici e fisici a sua disposizione, come una delle eterne promesse mai realizzatesi nella lega statunitense, negli ultimi anni protagonista principale dello Shaqtin’ A Fool( 2x Shaqtin MVP, per la precisione), comparsa evanescente sui parquet NBA.

Il giocatore ha infatti firmato proprio questa estate un contratto non pienamente garantito fino all’inizio della regular season da meno di un milione di dollari per la prossima stagione( come sono lontani i tempi dei contratti da 44 milioni nel 2012!), nonostante l’innalzamento del tetto salariale abbia assicurato a pari ruolo – forse anche meno dotati – contratti a cifre di molto superiori, e proprio in questi giorni di preseason si sta giocando le sue carte( sembra, secondo le dichiarazioni di Steve Kerr, con ottimi risultati) per tentare di accaparrarsi l’ultimo e più ambito posto disponibile nel roster della franchigia californiana.

Dopo averlo quindi fortemente consigliato al suo allenatore e all’intera dirigenza, l’ala piccola dei Warriors si è quindi nuovamente espressa sul suo vecchio compagno di squadra ai Denver Nuggets nella stagione 2012/13, dichiarando:

“Ne ho parlato con molte persone. Lui è meglio di molti altri giocatori che guadagnano molto più di lui. Anzi, molto meglio.”

Parole che, molto probabilmente, anticipano una prossima e ormai quasi certa conferma nella rosa di Golden State del lungo nativo di Flint, che avrà una ulteriore – e forse ultima – chance per mostrare l’enorme potenziale a sua disposizione, fino ad ora solo intravisto a tratti e mai realmente espresso con continuità e costanza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy