Paul George: “Possiamo segnare 115 punti a partita.”

Paul George: “Possiamo segnare 115 punti a partita.”

Il leader dei Pacers fissa in alto l’asticella offensiva

Commenta per primo!
George

I Pacers sono tra le squadre ad aver cambiato di più in estate. Partiti George Hill, Ian Mahinmi e Solomon Hill, sono arrivati Jeff Teague, Al Jefferson e Thaddeus Young, per un team che sembra avere ancora più talento, soprattutto offensivo, a roster. Anche Paul George, leader assoluto e miglior giocatore dei Pacers, ne è convinto.

RUN & GUN

Queste le parole di George in merito, rilasciate a Indy Star:

In questa preseason stiamo giocando più liberi. Dobbiamo adattarci a uno stile di gioco più offensivo e dinamico. Ci vorrà tempo, ma appena completeremo questa transizione potremo segnare 115 punti in ogni partita.

L’ipotetico starting five Pacers, con Teague, Monta Ellis, George, Young e Myles Turner, pare più che adatto a correre, grazie al giusto mix tra esplosività e attitudine a giocare in transizione. Qualche dubbio rimane, legato principalmente alla scelta, da parte del Team President Larry Bird, di assumere come nuovo coach Nate McMillan.

McMillan non è noto come allenatore “pace-oriented”; anzi, i suoi Blazers edizione 2010-2011 (ultima stagione in cui coach Nate ha allenato per un’annata intera) hanno chiuso con il pace più basso dell’intera NBA.

Resta da vedere se i nuovi Pacers, con George sempre più calato nella parte del condottiero carismatico (e a volte un po’ smargiasso), riusciranno ad adeguarsi allo stile del coach, e viceversa. Lo scorso anno, sotto Frank Vogel, Indiana ha chiuso col decimo miglior pace dell’NBA.

 

NEWS NBA

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy