Curry non pensa alla free agency 2017: “Voglio rimanere ai Warriors.”

Curry non pensa alla free agency 2017: “Voglio rimanere ai Warriors.”

Il due volte MVP potrebbe firmare un contratto nell’ordine dei 30 milioni di dollari a stagione

Commenta per primo!
Curry

Steph Curry non ha fatto in tempo a formare la superstar-connection con il neoarrivato ai Warriors Kevin Durant, che subito si parla della free agency 2017, che lo vedrà coinvolto in prima persona.

SENZA RESTRIZIONI

Curry entrerà nella prossima finestra di mercato estiva da unrestricted free agent. Ma, a riguardo, pare avere le idee molto chiare:

Voglio rimanere ai Warriors. Mi piace stare qui, giocare in questa squadra. Non penso ad altro. 

La situazione salariale di Golden State, però, potrebbe rivelarsi più complicata del previsto. Curry, da pluri-MVP e giocatore unico nel panorama NBA, otterrà, a meno di auto-riduzioni “pecuniarie”, un contratto al massimo salariale (attorno ai 30 milioni di dollari a stagione, secondo le proiezioni del cap per il 2017-2018). Questo significherebbe, tuttavia, che la dirigenza Warriors dovrebbe rinunciare a due importanti “tasselli del puzzle” come Andre Iguodala e Shaun Livingston, anche loro free agent senza restrizioni nel 2017.

Senza considerare la situazione contrattuale di Durant, che ha una player option da esplorare e potrebbe scegliere di fare “opt-out” per ottenere un salario ancora più elevato di quello attuale (quasi 27 milioni per la stagione 2016-2017).

I Warriors hanno di fronte un’annata cruciale, per tentare nuovamente l’assalto al Titolo NBA e per capire qualcosa in più di sé stessi e del proprio futuro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy