Kyrie Irving: “Il tiro in gara 7 mi ha cambiato la vita”

Kyrie Irving: “Il tiro in gara 7 mi ha cambiato la vita”

Sarà anche stata la definitiva consacrazione di LeBron James, l’affermazione del numero 23, ma il titolo 2016 vinto da Cleveland ha impresso ben in vista il marchio di Irving

Irving

Ce lo ricordiamo ancora tutti, anche perché quella dannata Spalding non ha ancora ripreso a rimbalzare sul parquet dopo quel momento. L’ultimo canestro messo a referto su un campo NBA porta la firma di Kyrie Irving. E che firma.

Il numero 1 dei Cavs ha fatto in tempo nel frattempo a mettersi al collo anche una medaglia d’oro olimpica, ma inutile nascondere che il “peso” specifico di quella tripla non ha eguali. Il turning point di una vita, IL momento (con l’articolo rigorosamente determinativo e rigorosamente scritto in maiuscolo).

Sì, la mia vita è cambiata in maniera drastica da quel momento. E’ una sorta di definitiva consacrazione di cui si va sempre alla ricerca. Il modo per essere considerato uno dei più grandi giocatori presenti sul palco più importante di tutta la stagione. Stavo cercando il modo di ottenere il maggior rispetto possibile, nel modo in cui mi era possibile

Obiettivo raggiunto, visto il risultato. “Confermarsi è sempre più difficile che vincere” direbbe il saggio. Buon lavoro Kyrie.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy