Rose: “Non ho mai giocato in una squadra col talento di questi Knicks.”

Rose: “Non ho mai giocato in una squadra col talento di questi Knicks.”

Il neo-play dei New York Knicks alza l’asticella delle aspettative sulla squadra (e su sé stesso)

Commenta per primo!
Rose

Derrick Rose ci crede. Crede nella prossima stagione, crede di poter tornare a giocare ad alto livello; crede, soprattutto, nell’insolito assemblaggio di vecchio e nuovo, di certezze (poche) e speranze (tante) di cui è fatto il roster dei New York Knicks edizione 2016-2017.

UN NUOVO INIZIO?

Al dinamico duo costituito da Carmelo Anthony e Kristaps Porzingis sono andati ad aggiungersi il declinante e pagatissimo Joakim Noah (31 anni x 17 milioni nella prossima stagione), il desaparecido Brandon Jennings e il solido (per fortuna) Courtney Lee. Oltre, ovviamente, allo stesso Derrick Rose. Rose che ha parlato così del livello della squadra:

Credo che questi Knicks siano la squadra col talento più elevato di cui io abbia mai fatto parte. Il mio obiettivo è quello di mettere ordine e, poi, dare il massimo per dominare il gioco. 

Un pensiero anche per i Bulls, lasciati dopo otto stagioni:

Non c’era spirito di squadra, l’anno scorso non uscivamo mai insieme. Training camp, allenamenti e basta. Non c’era quel legame profondo che porta alla vittoria e che stiamo cercando di costruire qui ai Knicks. 

Il titolo di MVP conquistato nella stagione 2010-2011 e il concomitante record dei Bulls da 62 vinte e 20 perse sembrano lontani. Rose pare davvero concentrato al 100% su New York:

Il supporto dei fan in questa città è qualcosa di unico. Neanche Chicago si può avvicinare. New York è a un altro livello. Non vedo l’ora di scendere in campo: sento che il mio arrivo qui ha scaldato l’ambiente. 

NEWS NBA

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy