Seguici su

Curiosità

10 aneddoti della carriera di Kevin Garnett

Il re del trash talking si è reso in più occasioni partecipe di episodi non propriamente politically correct, vediamo quali sono i 10 più celebri e curiosi

E’ di pochi giorni fa la notizia che Kevin Garnett ha deciso di giocare ancora una stagione in NBA. Quella che comincerà il prossimo ottobre sarà la ventiduesima stagione del nativo di Greenville (South Carolina) nella lega, la quattordicesima in maglia Minnesota Timberwolves.

The Big Ticket, ormai quarantenne, è stato uno dei migliori giocatori di tutta la lega durante gli anni 2000, vincendo, nel 2004 il titolo di MVP della regular season, e nel 2008 il titolo di difensore dell’anno e il titolo NBA con i Boston Celtics.

Oltre che per i suoi risultati sportivi eccellenti, però, Garnett è celebre in tutto il mondo NBA anche per le sue doti di trashtalking, ossia di comportarsi, mediante parole o gesti, in modo tale da far arrabbiare un avversario, costringendolo così a giocare sotto le sue potenzialità.

Ripercorriamo oggi 10 momenti della carriera di KG in cui il suo trashtalking si è spinto addirittura oltre alle semplici parole, diventando una vera e propria tecnica per estraniare completamente gli avversari dalla partita.

Buona lettura!

Precedente1 di 11




Introduzione

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Curiosità